Medici, sciopero generale il 16 dicembre

Pubblicato il: 2 Dicembre 2016|

I medici, i veterinari, i dirigenti sanitari dipendente del Servizio sanitario nazionale incroceranno le braccia il prossimo 16 dicembre. Contro le “scelte che Governo e Regioni hanno adottato con la legge di Bilancio 2017”. A annunciarlo è oggi una nota dell’Intersindacale medica, composta dalle sigle Anaao Assomed, Cimo, Aaroi-Emac, Fvm, Fassid (Aipac-Aupi-Simet-Sinafo-Snr), Fesmed, Anpo-Ascoti-Fials Medici.

Per i camici bianchi, le risorse annunciate dal Governo per il rinnovo dei contratti non bastano: “Contrariamente a quanto dichiarato dal Presidente del Consiglio – scrivono i sindcati – il topolino di incremento retributivo, pari al costo di 2 caffè al giorno, che nascerà dalla montagna del fondo per il pubblico impiego non può essere considerato il finanziamento del Ccnl dei dirigenti medici e sanitari dipendenti del Ssn. Tanto più se il Governo non ferma lo scippo delle loro risorse contrattuali, ad opera di Regioni ed Aziende, che possono continuare a fare cassa con i loro soldi, minando il presente ed il futuro della contrattazione aziendale”.  Di fatto – denunciano i sindacati – “si proroga un blocco retributivo in vigore da 7 anni, ad onta della sentenza della Corte Costituzionale”.

Per i professioni della sanità pubblica si assiste “a un film già visto” che regala al Ssn “una miscela fatta di sottofinanziamento, abuso di contratti atipici e peggioramento delle condizioni di lavoro e retributive dei medici, dei veterinari e dei dirigenti sanitari”.

In vista dell’approdo della Legge di Bilancio nell’Aula del Senato, i sindacati medici chiedono al Parlamento “modifiche legislative per un contratto nuovo da assumere a strumento di garanzia della qualità dei servizi per i cittadini”.

Tag: contratto / manovra / medici / sciopero / sindacati /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE