Il mercato dell’automedicazione va male: nel 2016 in calo consumi (-3,9%) e fatturato (-1,9%)

Pubblicato il: 9 Febbraio 2017|

Un 2016 da dimenticare per il mercato dei farmaci da banco. A dirlo è il bilancio tracciato da Assosalute, l’associazione nazionale farmaci di automedicazione ce fa capo a Federchimica, analizzando i dati di Ims Health. I medicinali senza obbligo di ricetta hanno registrato l’anno scorso la contrazione più importante dal 2012 a oggi: i consumi sono scesi del 3,9% rispetto al 2015, mentre il fatturato (2,4 miliardi di euro) ha perso l’1,9 per cento. In un anno il settore ha perso 11 milioni di confezioni vendute (scendendo a circa 292 milioni), mentre la contrazione dei volumi dal 2007 al 2016 è stata pari al -2,4% medio annuo. Risultati – sostiene Assosalute – spiegabili con le vendite legate alla stagionalità (con la stagione influenzale 2015/2016 a bassa incidenza) e, sul lungo termine, con la forte concorrenza dei prodotti salutistici (integratori, erboristici, omeopatici).

A bilanciare il trend negativo dell’anno non è bastata nemmeno la diffusione delle sindromi influenzali e da raffreddamento dell’autunno-inverno 2016: +1,7% i consumi nell’ultimo trimestre, con una crescita a dicembre quasi a doppia cifra (+9,3%). Quanto ai prodotti salutistici, questi hanno registrato un aumento delle confezioni vendute nel 2016 pari al 5,1%, con un fatturato in crescita del 6,5% che ha superato i 3,8 miliardi di euro.

Guardando, invece, alle due categorie in cui è suddivisa la classe dei farmaci senza obbligo di ricetta – cioè Otc (over the counter), per le quali è consentita la pubblicità al cittadino – e farmaci Sop, il trend è in discesa per entrambe le specialità, ma con risultati peggiori per gli Otc (– 4,4% volumi, -2,3% il fatturato). I Sop, grazie a una buona performance dei farmaci per l’apparato respiratorio, limitano i danni con un -2,5% sul fronte delle confezioni vendute e – 0,7% per quanto riguarda la spesa. I farmaci per le sindromi da raffreddamento, gli analgesici e quelli contro i disturbi gastrointestinali rappresentano insieme oltre il 75% delle vendite.

Infine, per quanto riguarda i canali di acquisto, la farmacia continua a essere il luogo privilegiato, dove si compra oltre il 90% dei medicinali senza obbligo di prescrizione. In crescita, pur essendo ancora una nicchia, il mercato dei corner della Grande distribuzione organizzata (Gdo).

Tag: Assosalute / automedicazione / consumi / farmaci da banco / fatturato / mercato / OTC / sop /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE