Morbillo e rosolia, l’Iss lancia la rete nazionale dei laboratori di riferimento

malattie rare
Pubblicato il: 20 Marzo 2017|

Rafforzare la sorveglianza su morbillo e rosolia, identificare tempestivamente casi e focolai, monitorare l’efficacia di programmi di vaccinazione. Nasce con questi obiettivi MoRoNet, la rete nazionale dei laboratori di riferimento per le due malattie, in linea con le richieste dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). A coordinare il network sarà il Laboratorio nazionale di riferimento (Lnr) per il morbillo e la rosolia dell’Istituto superiore di sanità (Iss).
“L’Italia – spiega l’istituto sul suo portale – si appresta a dotarsi dell’ausilio di un sistema di sorveglianza sensibile e specifico, in grado di rilevare e identificare tempestivamente i casi e i focolai di morbillo e rosolia, nonché essenziale per monitorare l’efficacia dei programmi di vaccinazione. Obiettivo di MoRoNet è, infatti, assieme al raggiungimento delle coperture vaccinali previste dal Piano di Eliminazione, quello di far sì che il nostro al Paese possa raggiungere l’eliminazione definitiva di morbillo e rosolia”.
La costituzione di MoRoNet, ufficializzata nel corso di un convegno all’Iss, avviene nell’ambito delle azioni previste dal “Piano di eliminazione per morbillo e rosolia”, malattie ancora causa di decessi in Europa e per le quali l’Oms ha previsto l’obiettivo dell’eradicazione.

Tag: Iss / laboratori / morbillo / rosolia / vaccini /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE