Nuova strategia globale per la salute dell’Ue: verso la sovranità sanitaria

Pubblicato il: 1 Dicembre 2022|

Ecco la nuova strategia globale per la salute dell’Unione europea, che stabilisce le priorità politiche e i principi guida per plasmare la salute a livello mondiale e individua linee d’azione concrete fino al 2030. La strategia adottata dalla Commissione Ue si basa sui contributi ricevuti nel corso di un’ampia consultazione pubblica, con i contributi degli Stati membri dell’Ue, delle presidenze del Consiglio, del Parlamento europeo, della società civile, della strategia sanitaria alternativa della società civile del 2020 e di altri importanti portatori di interessi chiave in Europa e nel resto del mondo. 

L’Ue in primo piano

Con questa strategia l’Ue assume un ruolo guida di primo piano e rafforza le proprie responsabilità in materia per affrontare i principali problemi e combattere con determinazione le disuguaglianze in ambito sanitario a livello mondiale: un programma in materia di salute globale da portare a termine e la lotta contro le minacce per la salute nell’era delle pandemie. 

Ruolo strategico della salute

La strategia considera la salute mondiale un pilastro fondamentale della politica estera dell’Ue, un settore essenziale dal punto di vista geopolitico e di importanza cruciale per l’autonomia strategica dell’Ue. Promuove partenariati sostenibili e significativi tra pari sulla base del Global Gateway. 

Le priorità

La strategia propone tre priorità fondamentali correlate tra loro per affrontare i problemi sanitari mondiali: migliorare la salute e il benessere delle persone lungo tutto l’arco della vita; rafforzare i sistemi sanitari e promuovere la copertura sanitaria universale; prevenire e combattere le minacce sanitarie, comprese le pandemie, con un approccio One Health. 

Le lacune da sanare

La strategia mira a recuperare il terreno perduto per raggiungere gli obiettivi universali in materia di salute nel quadro degli obiettivi di sviluppo sostenibile per il 2030. Individua tre fattori chiave per migliorare la salute, ovvero la digitalizzazione, la ricerca e professionisti specializzati in azioni concrete per progredire a livello mondiale in questi settori. 

Governance unica

Inoltre, l’Ue vuole promuovere una solida governance globale in un contesto geopolitico complesso. A questo proposito, sostiene un’Oms più forte, più efficace e responsabile, che sia al centro del sistema multilaterale e che venga finanziata in modo sostenibile e che si avvalga della cooperazione nell’ambito del G7 e del G20 e con altri partner globali, regionali e bilaterali. 

L’importanza delle partnership

L’Ue vuole anche ampliare i partenariati internazionali in materia di salute, come parte della strategia Global Gateway, sulla base della cotitolarità e della corresponsabilità dei partner; incentivare l’approccio team Europa per esprimersi con voce unica; promuovere un finanziamento più efficace mediante canali innovativi, la messa in comune di risorse a livello internazionale e coinvestimenti da parte dei paesi partner e altri attori, come il settore privato.  

La sovranità sanitaria

“Alle nostre frontiere – ha commentato Margaritis Schinas, vicepresidente per la Promozione dello stile di vita europeo – sta imperversando una guerra gravida di molteplici implicazioni per la nostra sicurezza, la nostra economia e le nostre società. Tuttavia, la salute è e dovrebbe rimanere una priorità. La nostra proposta di strategia globale in materia di salute apporta elementi nuovi e complementari per migliorare ulteriormente la nostra resilienza dopo la pandemia di Covid-19. La strategia non consiste in vane parole; siamo determinati a impegnarci in uno spirito di piena corresponsabilità e cotitolarità per rafforzare la sovranità sanitaria e garantire una maggiore resilienza e autonomia e ciò ci consentirà di concentrarci su coloro che ne hanno più bisogno, laddove il nostro impatto può essere maggiore”. 

Oms più forte e responsabile

Stella Kyriakides, commissaria per la Salute e la sicurezza alimentare ha sottolineato che “la salute è alla base del benessere dei nostri cittadini ed è essenziale per la stabilità delle nostre economie e delle nostre società. La pandemia è stata un potente monito e ci ha ricordato quanto la salute sia interconnessa a livello mondiale. Con la strategia globale in materia di salute, ci basiamo su questi insegnamenti e apportiamo le soluzioni che stiamo mettendo in atto nell’ambito dell’Unione europea della salute per proteggere i cittadini su scala mondiale. A tal fine lavoreremo per una migliore individuazione delle minacce e promuoveremo nuove norme per affrontarle in modo efficace, un accesso più equo ai vaccini e alle cure e una governance globale più solida per garantire risultati, imperniata su un’Oms forte e responsabile. Con questa strategia – ha concluso – ci impegniamo ad assumere un ruolo guida per migliorare gli standard sanitari a livello mondiale”. 

Tag: commissione ue / margaritis schinas / Oms / stella kyriakides / strategia globale ue per la salute / Ue /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE