“Pilastro dell’export”, dal farma l’11% del PIL. I commenti della Lorenzin

Pubblicato il: 17 Aprile 2014|

La farmaceutica quale “pilastro” del nostro export e “asset strategico per l’Italia”; “un sistema ad alto valore aggiunto, un know-how tutto italiano che non possiamo permetterci di disperdere”. Così il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha commentato i dati Istat relativi al commercio estero all’indomani della loro diffusione.

 

“Nell’industria farmaceutica e dei dispositivi lavorano 123mila persone, senza calcolare l’indotto”. Ma, come per tutti i settori produttivi, “per mantenere gli investimenti sul suolo italiano e attrarne altri dall’estero – ha precisato il ministro – abbiamo bisogno di poter garantire un quadro normativo, amministrativo, economico e burocratico semplice, certo, senza continui cambiamenti, come è successo negli ultimi anni. Da un punto di vista della strategia, il Governo di un Paese che punta a occupazione e crescita deve offrire un sistema regolatorio forte e trasparente, con indirizzi certi e stabili, che diano chiarezza sulle regole di ingaggio”.

 

In Italia, “il sistema salute è anche questo: l’11% del prodotto interno lordo”, ma, ha concluso il ministro, “con una strategia condivisa possiamo fare ancora meglio”.

Tag: esportazioni / Export / farmaceutico / Istat / Pil /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE