Protezione civile: raccolti oltre 160 milioni di euro in tre mesi

Pubblicato il: 19 Giugno 2020|

Più di 160 milioni di euro in tre mesi. È il bilancio della Protezione Civile sui fondi raccolti per l’acquisto di dispositivi e attrezzature utili nella lotta contro Covid-19. Più nel dettaglio, al 18 giugno, sono arrivati bonifici per un totale di 165.771.088 euro. “Mai una cifra così alta è stata raggiunta nelle raccolte aperte per le precedenti emergenze”, sottolinea la Protezione Civile in una nota.

Il bilancio della Protezione Civile

Lo scorso 18 marzo, come previsto dal decreto Cura Italia, Dipartimento della Protezione Civile ha aperto un conto corrente bancario le cui donazioni sono finalizzate all’acquisizione di dispositivi di protezione individuali, respiratori, ventilatori, presidi medico-chirurgici e allestimenti di posti di terapia intensiva.

Circa il 90% dei fondi (147.840.545 milioni) è già stato utilizzato, secondo questa ripartizione: 28.474.176 euro per Dispositivi di protezione individuale; 14.405.456 euro sono stati spesi per ventilatori e 4.960.913 euro per le spese di trasporto dei materiali sanitari.

“I risultati raggiunti nel corso di questi difficili mesi – commenta il capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli –   confermano la generosità e la solidarietà degli italiani- Voglio ringraziare tutti i grandi e i piccoli donatori che hanno voluto dare il proprio sostegno e contributo durante le fasi dell’emergenza Coronavirus. La raccolta continua ancora ma grazie a quanto abbiamo ricevuto si è potuto acquistare dispositivi di protezione individuale e apparecchi respiratori indispensabili nelle terapie intensive”.

Il fondo per i familiari degli operatori caduti

Ammonta a 10.153.833 euro, invece, la somma raccolta per il Fondo dedicato al sostegno dei familiari del personale sanitario che ha perso la vita nell’emergenza, istituito con l’ordinanza n.660 del 5 aprile scorso. “Anche per questa iniziativa il Dipartimento ringrazia i piccoli e i grandi donatori che hanno consentito di raggiungere una cifra così importante”, conclude la nota.

Tag: Protezione civile /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE