Raccolta di sangue: nel 2020 calo del 5%

Pubblicato il: 1 Febbraio 2021|

Nel 2020 la raccolta di sangue in Italia è calata del 5%, risentendo dell’emergenza Covid. Si è passati da 2.548.004 unità raccolte nel 2019 a 2.409.822, con una riduzione di circa 139mila unità. Le flessioni più marcate sono state registrate in Sardegna (-14%), Campania (-13%) e Veneto (-11%). Sono i dati principali di un report pubblicato dal Centro nazionale sangue (Cns).

Il trend

“Nel 2020 le attività dei servizi trasfusionali – ricorda Vincenzo De Angelis, direttore del Cns –  sono state sotto pressione, come testimonia anche il calo visto nella raccolta di plasma. È importante sottolineare che grazie allo sforzo di tutti gli attori, dal Cns alle associazioni, si è riusciti a garantire una donazione in sicurezza anche nei periodi peggiori della pandemia, l’invito è quindi di contattare il centro o l’associazione più vicina per programmare una donazione”.

Contromisure

Secondo il Cns, il calo è stato compensato da una riduzione dei consumi per l’applicazione delle tecniche di “patient blood management” da parte degli ospedali, che hanno anche visto una riduzione dell’attività non legata al virus a causa della pandemia. Anche nel mese di gennaio, registra sempre il Cns, permangono alcune difficoltà, che hanno spinto diverse Regioni a richiedere l’avvio di procedure di compensazione interregionale attraverso la bacheca Sistra.

Tag: centro nazionale sangue / cns / raccolta / Sangue /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE