Scaccabarozzi: “fa piacere leggere che tra i protagonisti della ripresa c’è l’industria farmaceutica”

Pubblicato il: 14 Maggio 2015|

“Saluto con soddisfazione il ritorno alla crescita dopo anni del Pil in Italia. E fa piacere leggere oggi sul Corriere della Sera che tra i settori protagonisti della ripresa vi è l’industria farmaceutica, che nel primo trimestre ha aumentato la produzione, registrando addirittura un +22% a marzo, rispetto al marzo 2014″. A commentare i dati sul Prodotto interno lordo è Massimo Scaccabarozzi, presidente di Farmindustria.

“Una crescita – continua – che si deve certamente alla qualità del made in Italy apprezzata in tutto il mondo, ma anche alla stabilità assicurata dal Governo che, negli ultimi due anni, ha posto le condizioni per importanti investimenti nel Paese di gruppi farmaceutici italiani e internazionali, che proprio in questi mesi producono con tanta evidenza i primi risultati. È un’accelerazione su investimenti e competitività in linea con le frequenti sollecitazioni delle Istituzioni europee”.

“Appare quindi ancora più incomprensibile la scelta delle Regioni di effettuare tagli sul settore farmaceutico, facendo ricorso a misure, solo formalmente di carattere tecnico, finalizzate a fare cassa – sottolinea Scaccabarozzi – Per questa ragione auspico l’intervento del presidente del Consiglio e dei ministri competenti perché non si colpisca un’industria leader nella manifattura a livello internazionale. Tagliare infatti le gambe alle imprese del farmaco vuol dire bloccare la corsa di uno dei principali driver della crescita in Italia”.

Tag: farmindustria / industria farmaceutica / massimo scaccabarozzi / Pil / Regioni /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE