Scadenza brevetti, accordo tra Mise e ministero della Salute

Tribunale brevetti
Pubblicato il: 27 Agosto 2018|

Sul tema della scadenza brevettuale c’è un accordo tra Mise e ministero della Salute. Scopo della richiesta fatta dal dicastero di Giulia Grillo, è stato quello di di agevolare l’accesso e la consultazione delle banche dati brevettuali (in cui sono contenute scadenze e certificati di protezione complementare).

Accelerare i processi

La richiesta nasce dall’esigenza degli uffici tecnici dell’Aifa e delle Regioni di poter accedere a questi preziosi dati in maniera organica e tempestiva. Questa stringente necessità è emerso al Tavolo tecnico sulla governance farmaceutica e sui dispositivi medici recentemente costituito presso il ministero della Salute. Secondo gli esperti servono processi accelerati per poter affrontare un periodico aggiornamento del Prontuario farmaceutico nazionale. Infatti i medicinali equivalenti, come noto, non possono essere classificati a carico del Servizio sanitario nazionale con decorrenza anteriore alla data di scadenza del brevetto o del certificato di protezione complementare.

Tempi rapidi

”È di tutta evidenza che la possibilità di poter finalmente acquisire in tempi rapidi i dati in questione – ha scritto il ministro della Salute, Giulia Grillo, al ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio – assume un rilievo e un impatto strategico ai fini della classificazione dei medicinali a carico del Servizio sanitario nazionale. Ringrazio per questo il Mise di aver colmato una storica lacuna informativa, consentendoci a questo punto di procedere con maggiori certezze e con il quadro preciso della situazione”.

Tag: brevetti farmaceutici /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE