Aifa, primo incontro su esportazione parallela dei farmaci

Pubblicato il: 10 Giugno 2013|

Migliorare la disponibilitá dei farmaci, ecco l’obiettivo principale dell'incontro organizzato dall’Aifa che ha visto a confronto gli attori del mondo pharma sulle dinamiche relative all'attività di esportazione parallela dei medicinali.

Scopo dell'iniziativa, ha spiegato l'Agenzia in una nota, è "avviare la discussione e la collaborazione tra le istituzioni e le parti interessate per la gestione degli effetti distorsivi del mercato parallelo con impatto sulla diminuita disponibilità dei medicinali, segnalata sul territorio nazionale, con l'obiettivo di trovare soluzioni condivise per garantire a tutti i pazienti italiani la tempestività nell'accesso ai farmaci". L'iniziativa ha visto la partecipazione di tutti i rappresentanti della filiera del farmaco, dal mondo delle Istituzioni a quello delle Associazioni.

Nel corso del dibattito il fenomeno delle esportazioni parallele dei medicinali è stato affrontato analizzando i processi che possono determinare la diminuita disponibilità dei medicinali sul territorio italiano, per individuare strumenti più appropriati e governare il fenomeno in maniera più efficace, salvaguardando la libera iniziativa del mercato. A tale scopo è stato concordato anche di esaminare i dati sul commercio già disponibili e di acquisire ulteriori elementi informativi da parte dei partecipanti.

L'incontro si è concluso con la condivisione della necessità di una strategia e un impegno comune tra tutti gli stakeholders e le autorità competenti per identificare e correggere le eventuali distorsioni che portano al verificarsi di disservizi per la popolazione.

 L'iniziativa, che è stata accolta con favore da tutti i componenti del tavolo, rappresenta la prima di una serie di incontri che si svolgeranno nei prossimi mesi.

Tag: Aifa / esportazione parallela / farmaci / istituzioni / stakeholder /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE