Allergie alimentari, un cerotto per vaccinare i bimbi

Pubblicato il: 28 Aprile 2017|

Sono stati presentati per la prima volta in Europa, dati incoraggianti sulla vaccinazione per via cutanea, tramite un cerotto da applicare sulla pelle. In futuro quindi le persone allergiche agli alimenti, potrebbero essere vaccinate con questo metodo, desensibilizzandole e permettendo loro il contatto con il cibo che provoca la reazione. Lo affermano i risultati di alcuni studi presentati a Roma al Congresso annuale della World Allergy Organization promosso dall’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. Al momento il metodo più usato per mettere in sicurezza le persone con gravi allergie alimentari è l’immunoterapia orale, in cui vengono messe in contatto con quantità crescenti dell’allergene. Al congresso sono stati presentati i nuovi dati di studiosi americani sulla efficacia della desensibilizzazione per alimenti non attraverso la via orale ma attraverso la via cutanea. Negli studi finora eseguiti, questi cerotti aumentano la tolleranza per arachide e per latte. Il trattamento viene ben tollerato senza reazioni allergiche sistemiche, ma in alcuni pazienti è stato osservato un aumento delle reazioni cutanee eczematose locali.

“Forse in un prossimo futuro vaccineremo i nostri bambini allergici con un cerottino sulla pelle” afferma Alessandro Fiocchi, responsabile di Allergologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù. “Sono sempre più avanzate poi le immunoterapie specifiche per l’allergia alimentare, che si evolvono verso un’integrazione con gli immunomodulatori naturali come i probiotici per migliorare la loro efficacia”.

Tag: allergie alimentari / cerotto / Ospedale pediatrico Bambino Gesù / vaccini /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE