Antibioticoresistenza: anche l’ambiente va controllato

antibiotici nell'ambiente
Pubblicato il: 6 Giugno 2022|

Nel Piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico-resistenza (Pncar) 2017-2020 (prorogato fino al 2021) non ve ne è praticamente traccia, eppure anche l’ambiente ha la sua parte nello sviluppo dell’antibioticoresistenza.

Come sosteneva il microbiologo francese René Dubos già nel lontano 1942, quando i primi antibiotici videro la luce, la resistenza agli antibiotici è una reazione naturale e inevitabile che i microrganismi sviluppano nei confronti delle sostanze antibatteriche presenti nell’ambiente. Quello che si è scoperto con il tempo è invece che il numero dei geni di resistenza naturalmente presenti può aumentare di tre o quattro ordini di grandezza a causa della pressione di origine antropica, dovuta al sovrautilizzo e/o all’utilizzo errato di antibiotici in medicina umana e veterinaria. Inoltre, allo stesso tempo, si è capito che oltre ai geni o ai batteri resistenti, gli stessi farmaci anti batterici possono persistere per diverso tempo nell’ambiente dopo l’uso, contaminando la catena alimentare e promuovendo anch’essi ulteriormente lo sviluppo di nuove resistenze.

Indagine sulle acque reflue

Spiega Sara Castiglioni, capo dell’Unità di Biomarkers ambientali del Dipartimento di Ambiente e Salute dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano: “Gli antibiotici non totalmente metabolizzati dal corpo umano e i loro metaboliti attivi vengono escreti con le urine e le feci immettendosi nelle acque reflue urbane. Passano attraverso i depuratori che però non sono costruiti per gestire o degradare queste sostanze, le quali possono persistere per molto tempo nelle acque depurate per poi confluire nei corsi d’acqua, come fiumi, laghi e mare”.

Un problema poco noto

Oggi si sa che i geni di resistenza possono diffondersi nell’ambiente tramite diverse vie. Per esempio attraverso fonti diffuse di contaminazione, come aree ad agricoltura intensiva, distretti industriali, attività umane distribuite sul territorio. O sorgenti puntiformi, cioè impianti zootecnici intensivi, acquacoltura, scarichi fognari urbani e ospedalieri e di attività industriali per la produzione di sostanze antibiotiche. Si sa anche che possono influenzare lo sviluppo di geni di resistenza, ma non è chiaro con quali meccanismi e in che misura. Inoltre non è nota anche l’ampiezza del problema perché come denuncia l’Istituto superiore di sanità (Iss), “nella gran parte delle nazioni, manca del tutto un monitoraggio massivo e geograficamente significativo delle dinamiche di antibioticoresistenza, prerequisito fondamentale per sviluppare azioni di mitigazione dell’inquinamento, sia a livello locale sia regionale o nazionale”.

Proprio su questo fronte da tempo è impegnato il laboratorio di Sara Castiglioni che sta conducendo diversi studi per valutare la quantità di antibiotici nell’ambiente, in modo da sommare i dati a quelli relativi alla quantità di geni di resistenza presenti nell’ambiente per avere un’idea del fenomeno ambientale.

Contaminanti “semi-persistenti”

Difficile stimare la diffusione degli antibiotici nell’ambiente, anche perché si tratta di un fenomeno altamente variabile a seconda della zona. Castiglioni per esempio cita il caso della Lombardia, i cui fiumi – scorrendo in una regione altamente abitata –  ricevono elevate quantità di reflui trattati dagli impianti di depurazione e presumibilmente conterranno anche una discreta quantità di antibiotici. L’esperta tiene a sottolineare che al momento non è noto se tali concentrazioni siano realmente pericolose. “Possiamo però dire che si tratta di contaminanti ubiquitari. Gli antibiotici e i loro metaboliti sono ‘semi-persistenti’ perché nonostante alcuni si degradino sono continuamente usati dalla popolazione, anche se con variabilità stagionale, e reimmessi di continuo nell’ambiente”.

Controllate ma non normate

Castiglioni, che con il Mari Negri ha partecipato alla stesura del “Rapporto ISTISAN 21/3 – Approccio ambientale all’antibioticoresistenza”, che l’Iss ha prodotto in collaborazione con il Ministero della transizione ecologica, lʼISPRA, il CNR e l’Università di Roma Tor Vergata, riferisce che lo scopo del documento era anche capire come ci si sta muovendo a livello di normativo per valutare quali siano i livelli ammissibili di antibiotici nelle acque ambientali. Al momento infatti tali quantità non sono fissate ma solo controllate come precisa Castiglioni. “Alcune classi di antibiotici tra le più importanti – come fluorochinoloni e macrolidi, ma anche penicilline come l’amoxicillina – sono entrate a fare parte di una lista di sorveglianza, che come tali devono essere monitorate con programmi ben definiti, per valutare la potenziale pericolosità a livello ambientale” afferma.

Le azioni da intraprendere

Il documento riporta inoltre una serie di azioni che possono essere intraprese per gestire in modo corretto l’antibioticoresistenza a livello ambientale, contribuendo ad arginare il fenomeno.  Riassume Castiglioni: “Innanzitutto è importante smaltire correttamente i farmaci scaduti in farmacia, in modo che non finiscano nelle acque di scarico. Questo è un contributo che ciascuno può dare. Poi è fondamentale una prescrizione corretta di antibiotici in ambito umano e una revisione della gestione degli antibiotici e dei rifiuti negli allevamenti intensivi. Ancora, può essere utile utilizzare nei depuratori dei reflui civili e ospedalieri, tecnologie idonee per rimuovere i contaminanti in modo più efficace, prima che raggiungano l’ambiente”.

Home page rubrica: “Antibioticoresistenza, sinergia di azioni per contrastare il fenomeno”

Sponsor dell’iniziativa è GSK. GSK non ha avuto alcun ruolo nella review dei contenuti, redatti autonomamente ed integralmente da AboutPharma e dai propri collaboratori, che se ne assumono l’esclusiva responsabilità

Tag: antibioticoresistenza sinergia di azioni per contrastare il fenomeno / antimicrobicoresistenza / piano nazionale di contrasto dell’antimicrobico resistenza 2017-2020 (pncar) / pncar /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE