Antibioticoresistenza, scoperto nuovo meccanismo di trasmissione

Pubblicato il: 8 Maggio 2017|

Un nuovo meccanismo di trasmissione della resistenza alla colistina in Klebsiella pneumoniae, già resistente ai carbapenemici, è stato scoperto grazie a uno studio condotto dalla Microbiologia dell’Azienda ospedaliero universitaria di Pisa (Aoup), in collaborazione con Olanda e Grecia, e presentato al recente convegno Eccmid di Vienna. Lo rende noto un comunicato dell’Aoup.
Nel lavoro, che fa seguito a uno studio precedente del medesimo gruppo “che aveva rilevato, per la prima volta, come i macchinari di esecuzione dell’antibiogramma sottostimassero in realtà la resistenza batterica, si è scoperto che la colistina, spesso ultimo baluardo per il trattamento delle infezioni sostenute da questi ceppi multiresistenti assai diffusi negli ospedali, perde la sua efficacia a causa, principalmente, di un frammento di Dna veicolato da un plasmide, frammento che si inserisce in un gene che viene così interrotto, provocando appunto la resistenza a questo antibiotico”.
Il trasporto plasmidico di queste sequenze di inserzione causa la disseminazione orizzontale della resistenza. Conoscere questa modalità di trasmissione, la più efficace dal punto di vista del successo evolutivo del batterio, rinforza lo stato di vigilanza e porta a un incremento nell’attenzione che va rivolta al contenimento della diffusione di questi batteri.

Tag: antibioticoresistenza / colistina /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE