Aumentano i casi di morbillo, Gavi si impegna a raggiungere più di 85 milioni di bambini con il vaccino

vaccino morbillo Paesi a basso reddito
Pubblicato il: 28 Ottobre 2022|

Aumentano i casi di morbillo e dei focolai a livello globale. Complici da una parte l’impatto che la pandemia Covid-19 ha avuto sulle attività sanitarie critiche di routine e dall’altra gli impatti secondari sulla malnutrizione. Per questo Gavi, The Vaccine Alliance (Gavi) sta lavorando con i governi, le comunità e altri partner in uno sforzo congiunto per distribuire i vaccini contro il morbillo ai bambini vulnerabili nei Paesi a basso reddito.

Oltre 85 milioni di bambini

Dal 2022 alla prima metà del 2023, Gavi prevede di sostenere 22 Paesi a basso reddito per intraprendere campagne di follow-up contro il morbillo con l’obiettivo di raggiungere più di 85 milioni di bambini. Questi Paesi rappresentano le richieste approvate finora, mentre i partner dell’Alleanza continuano a lavorare con altri Paesi prioritari e a rischio. Parallelamente, Gavi ha intensificato il sostegno alla risposta ai focolai epidemici, stanziando altri dieci milioni di dollari e sostenendo nove Paesi con attività di risposta fino a quest’anno.

Una sfida…

Il morbillo, uno dei principali responsabili della prevenzione vaccinale, è altamente contagioso e richiede una copertura vaccinale vicina al 95% attraverso la vaccinazione di routine e campagne integrative molto efficaci per impedirne la diffusione. Questo rappresenta una sfida significativa per i Paesi, in particolare per quelli a basso reddito, dove si verifica la stragrande maggioranza dei decessi per morbillo. Questi sistemi sanitari più vulnerabili devono raggiungere in modo coerente ed efficace gran parte della popolazione, compresi i “bambini a dose zero” che vengono sistematicamente lasciati indietro. Con l’aumento della coorte di nascite in Africa, i Paesi devono raggiungere più bambini ogni anno solo per mantenere la copertura. In seguito alla pandemia, i Paesi si trovano anche a dover affrontare diverse altre priorità sanitarie in competizione tra loro, rendendo estremamente impegnativa la pianificazione e l’attuazione di campagne efficaci.

…e un’opportunità unica

Allo stesso tempo, la vaccinazione contro il morbillo rappresenta un’importante opportunità per migliorare la forza complessiva di un sistema sanitario. Se un bambino a dose zero può essere identificato attraverso una campagna sul morbillo, questo è un punto di ingresso critico sia per l’immunizzazione di routine che per altri servizi essenziali. Ciò può contribuire a salvare un maggior numero di vite e a creare fiducia, aumentando al contempo le capacità dei Paesi di individuare e rispondere alle epidemie.

Le vaccinazioni di routine

“La vaccinazione contro il morbillo non solo previene le epidemie e i decessi, ma funge anche da punto di ingresso per l’immunizzazione di routine. Dati gli alti tassi di copertura necessari, queste campagne possono aiutare a identificare i bambini non immunizzati o sotto immunizzati, facendoli entrare più coerentemente nel sistema sanitario”, ha dichiarato Thabani Maphosa, Director of Country Programs di Gavi. “Questo è fondamentale per la sostenibilità della risposta al morbillo, riducendo i focolai nel lungo periodo, e può anche aiutare a salvare vite da altre malattie prevenibili con il vaccino”.

L’impatto della pandemia

Grazie alla diffusione del vaccino contro il morbillo, le morti per questa malattia a livello mondiale sono diminuite drasticamente. Nel 2000, più di un milione di bambini morivano a causa del morbillo, mentre nel 2020 il numero era di poco superiore a 60.000 decessi. Anche con questo impressionante calo, tuttavia, i progressi si sono arrestati negli ultimi anni. La pandemia ha avuto un ulteriore impatto: dati recenti provenienti dai 57 Paesi a basso reddito sostenuti da Gavi mostrano che la copertura della prima dose di vaccino contro il morbillo (MCV1) è diminuita del 4% durante la pandemia. La pandemia ha avuto un impatto anche sulle capacità dei Paesi di effettuare la sorveglianza e di segnalare i casi, rendendo inevitabili altri focolai.

La Measles and Rubella Initiative (M&RI)

Oltre alle campagne di lancio, recupero e follow-up, Gavi sostiene i governi con attività di risposta ai focolai, aiutando quest’anno nove Paesi a combattere i focolai. Attraverso la Measles and Rubella Initiative (M&RI) Outbreak Response Fund (Orf), Gavi è il principale finanziatore delle attività di risposta ai focolai di morbillo nei Paesi a basso reddito, fornendo un totale di 85 milioni di dollari per coprire le oltre 60 richieste di sostegno alla risposta ai focolai che l’Orf ha ricevuto dal 2013. M&RI è una partnership tra la Croce Rossa Americana, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, l’Unicef (Fondo internazionale di emergenza per l’infanzia delle Nazioni Unite), la Fondazione delle Nazioni Unite e l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

I “bambini a dose zero”

Nell’attuale periodo strategico (2021-2025), con la missione di “non lasciare indietro nessuno con l’immunizzazione”, Gavi sta anche intensificando gli investimenti nel rafforzamento dei sistemi sanitari e di immunizzazione. In particolare, l’Alleanza si concentra sulla fornitura di un sostegno mirato per raggiungere i “bambini a dose zero” e le comunità mancanti attraverso i programmi di routine, destinando 500 milioni di dollari attraverso uno speciale Fondo di accelerazione dell’equità (Eaf) a cui i Paesi ammissibili a Gavi potranno accedere per “identificare” il raggiungimento dei bambini a dose zero attraverso approcci innovativi e partnership per superare le sfide sistemiche. Fino a 100 milioni di dollari sono stati accantonati per il Programma di Immunizzazione a dose zero (Zip), una collaborazione tra Gavi e organizzazioni non governative con competenze umanitarie, con l’obiettivo di raggiungere i bambini a dose zero tra i rifugiati e le popolazioni sfollate nei Paesi fragili e colpiti da conflitti nel Sahel e nel Corno d’Africa.

Tag: fondazione delle nazioni unite / Gavi / morbillo / Organizzazione Mondiale della Sanità / the vaccine alliance / Unicef / vaccini /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE