Csl Behring-UniQure, chiuso un accordo di commercializzazione per la terapia genica dell’emofilia B

Pubblicato il: 18 Maggio 2021|

Csl Behring, leader mondiale nelle terapie biologiche, ha chiuso l’accordo globale con uniQure per la commercializzazione e la licenza di etranacogene dezaparvovec una nuova terapia genica per il trattamento dell’emofilia B. Etranacogene dezaparvovec è attualmente in sperimentazione in studi clinici di fase 3 e ha dimostrato di normalizzare i livelli di fattore IX (Fix), la proteina della coagulazione del sangue mancante nelle persone con emofilia B. L’accordo di licenza globale è stato annunciato il 24 giugno 2020 e ufficializzato la prima settimana di maggio 2021.

I dettagli dell’accordo

La chiusura dell’accordo sancisce il completamento delle revisioni antitrust negli Usa, nel Regno Unito e in Australia. In base ai termini dell’intesa, uniQure riceverà un pagamento anticipato di 450 milioni di dollarie royalties man mano che la terapia verrà sviluppata e commercializzata. uniQure completerà la sperimentazione della fase 3 dello studio Hope-B e progressivamente incrementerà la produzione per la fornitura commerciale iniziale.

Migliorare la vita dei pazienti con Emofilia B

“Questo accordo ci consente di studiare una terapia genica che, se approvata, ha il potenziale per trasformare la vita dei pazienti con emofilia B, riducendo o eliminando drasticamente le emorragie e le infusioni di routine, le restrizioni che limitano la loro vita e la paura costante di lesioni debilitanti quando i livelli di fattore della coagulazione nel sangue sono bassi”, ha affermato Paul Perreault, Ceo di Csl Behring. “Etranacogene dezaparvovec ha il potenziale per essere la prima terapia genica approvata nel mondo per l’emofilia B e rappresenta il nostro impegno continuo a migliorare la vita di coloro che convivono con questa malattia”.
La terapia genica ha il potenziale per cambiare la vita dei pazienti, offrendo benefici evidenti e garantendo anni di livelli funzionali di Fix circolante prodotto direttamente dai pazienti.
“I pazienti con emofilia B vivono con il timore costante del sanguinamento e che ogni episodio rappresenti un rischio di danno irrimediabile ai tessuti e alle articolazioni”, ha affermato Bill Mezzanotte, vice presidente esecutivo di Csl Behring, responsabile della ricerca e sviluppo e direttore medico. “Immaginate cosa potrebbe significare liberarsi dalla paura, sicuri che i livelli di fattore IX prodotti dall’organismo siano abbastanza alti da proteggere i pazienti, oggi, domani e ogni giorno, idealmente per gli anni a venire”.
Questa acquisizione completa la pipeline di Csl Behring sulla terapia genica e cellulare e il suo portfolio di prodotti per l’ematologia, che include altri trattamenti per l’emofilia B e terapie per il trattamento dell’emofilia A, della malattia di von Willebrand, della trombosi e di altre condizioni potenzialmente letali.

Risultati del programma clinico

Cinque anni fa il trattamento di dieci partecipanti allo studio di fase 1/2 su sicurezza e dosaggio di Amt-060, una terapia genica molto simile a etranacogene dezaparvovec (Amt-061). Amt-061 utilizza lo stesso veicolo di rilascio di Amt-060 ma contiene la variante Padova ad alta attività del gene Fix, invece del gene Fix comunemente presente nella popolazione generale.
A dicembre 2020, tutti e 10 i partecipanti trattati con Amt-060 continuavano a esprimere livelli di Fix stabili, hanno ridotto l’uso di Fix come terapia sostitutiva e hanno diminuito la frequenza di emorragie, dimostrando il lungo effetto del trattamento con Amt-060.
Nel dicembre 2020, uniQure ha anche annunciato che i dati dello studio di fase 2b, di conferma di dose di etranacogene dezaparvovec (Amt-061), mostravano come tutti e 3 i pazienti avessero livelli funzionali stabili e costanti di Fix, a 2 anni dopo una singola dose, con aumento dell’attività del Fix fino al 51,6% del normale e con una media del 44,2% del normale. I pazienti hanno manifestato zero emorragie e non hanno più avuto bisogno della profilassi di routine con terapia sostitutiva con Fix.

Lo studio

Lo studio di fase 3 HOPE-B, attualmente in corso, ha arruolato 54 pazienti: l’attività del Fix dopo la terapia è aumentata fino a una media del 37% a 26 settimane (segnalato il 19 novembre 2020). In tutti i pazienti, tranne uno, questi miglioramenti si sono verificati indipendentemente dagli anticorpi neutralizzanti preesistenti. I livelli di attività del FIX saranno nuovamente valutati a 52 settimane (metà 2021) per confermare che i livelli di attività si siano stabilizzati nel tempo come hanno fatto nello studio di fase 2b. A oggi, non sono riportati eventi avversi gravi correlati al trattamento nel corso degli studi con etranacogene dezaparvovec o del suo predecessore AMT-060.

Tag: CSL Behring / emofilia B / terapia genica / uniQure /

CONDIVIDI

AP-DATE

L'INFORMAZIONE OGNI GIORNO

SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE