Fibrosi cistica, ecco l’app per migliorare l’assistenza dei pazienti

Pubblicato il: 2 Novembre 2015|

Un dialogo immediato ed efficace fra medico e paziente, con l’obiettivo di migliorare l’aderenza alla terapie e individuare subito eventuali complicanze. È l’obiettivo di FreeCare4You (FC4U), la prima app italiana dedicata ai pazienti affetti da fibrosi cistica. Uno strumento interattivo, facile da usare, per rispondere ogni giorno alle esigenze dei pazienti: contatti in tempo reale con il centro di riferimento, informazioni e consigli utili; un diario personale per monitorare il decorso della malattia, ricordare gli appuntamenti e terapie. L’app è stata progettata e sviluppata in Campania dal Centro di riferimento regionale per la fibrosi cistica nell’adulto del’Università Federico II di Napoli, con il sostegno di Forest Laboratories Italy.
“L’applicazione – spiega il medico responsabile del centro, Vincenzo Carnovale – è stata realizzata per avvicinare i pazienti al Centro, informarli su terapie e supporti medici, monitorare la patologia ed individuare più precocemente le possibili riacutizzazioni e complicanze cliniche. Prevede la compilazione da parte del paziente di 3 brevi questionari – uno clinico, uno nutrizionistico e uno fisioterapico da inviare al Centro. FC4U è programmata in modo da generare un alert nel caso in cui i dati inseriti dal paziente vengano considerati critici. In questo modo quell’invio acquisterà un carattere di assoluta priorità e darà la possibilità agli operatori del Centro di contattare il paziente con assoluta celerità. Il nostro auspicio è che la nostra applicazione, considerata una vera e propria innovazione tecnologica per il benessere dei pazienti ed un sistema innovativo per la loro cura, possa nel breve futuro essere utilizzata da tutti i pazienti adulti affetti da fibrosi cistica seguiti nei diversi Centri Italiani”.
L’applicazione è disponibile per smartphone e tablet sull’App Store di Apple.

Tag: app / fibrosi cistica / pazienti /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE