Francia: deceduto il volontario in morte cerebrale dopo test su una nuova molecola

Pubblicato il: 18 Gennaio 2016|

E’ deceduto ieri al centro ospedaliero universitario di Rennes in Francia il paziente, ricoverato in stato di morte cerebrale, dopo aver partecipato come volontario alla sperimentazione di fase I di un nuovo farmaco del gruppo farmaceutico portoghese Bial. Lo riferisce una nota del centro che dichiara stabili le condizioni degli altri cinque pazienti ricoverati, di cui quattro presenterebbero problemi neurologici con il rischio di danni permanenti e l’ultimo sarebbe stato trattenuto senza particolari sintomi, per precauzione. Tutte e sei le persone ricoverate appartenevano al gruppo che aveva assunto la dose più alta di farmaco. In totale sono 90 le persone che hanno assunto il farmaco sperimentale per via orale. Le altre 84 persone volontarie che hanno testato il farmaco sono state contattate per essere sottoposte a controlli. “Dieci sono state sottoposte a un esame sabato pomeriggio – precisa la nota  – Le anomalie cliniche e radiologiche presenti nei pazienti ricoverati non sono state riscontrate nei dieci volontari”. Il Centro ospedaliero ha inoltre messo a disposizione un numero verde a cui sono  arrivate sessantasei telefonate. Attualmente sono in corso tre inchieste per accertare i fatti. I primi risultati delle indagini – ha anticipato il ministro a una radio locale francese –  saranno sul tavolo del ministro della Sanità, Marisol Touraine, alla fine del mese”.  Partito il 9 luglio 2015, lo studio gestito da Biotrial, una compagnia con sede in Francia che ha effettuato migliaia di studi clinici dal 1989, è stato sospeso.
 

Tag: bial / Francia / trial /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE