Gruppo di ricerca italiano scopre una molecola “blocca” mieloma multiplo

Pubblicato il: 9 Giugno 2020|

È italiana la copertina di giugno di Cancer Research, organo della Associazione americana per la ricerca sul cancro. O meglio, è dedicata a una scoperta tutta italiana. Si tratta di un lavoro diretto e coordinato dal Dipartimento di medicina molecolare e traslazionale dell’università degli Studi di Brescia, i cui ricercatori hanno individuato il ruolo fondamentale della molecola NSC12 nell’inibire un importante fattore di crescita coinvolto nella crescita e nell’attività metastatica delle cellule tumorali di mieloma multiplo. Il secondo tumore del sangue più frequente spesso incurabile a causa della sua resistenza alle attuali terapie farmacologiche ed alla sua capacità di dare origini a metastasi ossee.Lo studio, coordinto da Arianna Giacomini e da Roberto Ronca dell’Università bresciana, è stato finanziato dall’Associazione italiana per la ricerca sul cancro (Airc) e dalla Fondazione Cariplo.

La molecola “blocca” mieloma multiplo

“La ricerca dimostra la capacità della molecola NSC12 di inibire l’attività del fattore di crescita Fgf” spiegano Giacomini e Ronca. “Fattore responsabile della crescita e dell’attività metastatica delle cellule di mieloma multiplo, e conseguentemente di indurre il suicidio (apoptosi) delle stesse cellule tumorali. La molecola NSC12 può così portare a un rallentamento della crescita del tumore e all’inibizione della sua capacità di originare metastasi in modellipreclinici. I risultati dimostrano che la molecola è in grado di indurre apoptosi in cellule tumorali isolate dal midollo osseo di pazienti affetti da mieloma multiplo, che non sono più in grado di rispondere al farmaco bortezomib, comunemente usato nella terapia”.

Nuovi target farmacologici

La scoperta potrebbe quindi permettere l’identificazione di nuovi farmaci in grado di bloccare la crescita del mieloma multiplo. Anche in quei pazienti che non rispondono o hanno sviluppato resistenza ai trattamenti farmacologici attualmente in uso nella pratica clinica. I risultati inoltre, rafforzano l’ipotesi che la molecola, originariamente identificata nello stesso laboratorio di Brescia da Marco Presta docente di Medicina molecolare e traslazionale, possarappresentare un approccio terapeutico per i pazienti affetti da mieloma multiplo con prognosi severa e stadio avanzato della malattia.

I centri di ricerca coinvolti

Allo studio hanno collaborato numerosi gruppi di ricerca: il laboratorio Crea degli Spedali Civili di Brescia, diretto da Aldo Roccaro, il laboratorio di Annamaria Cattaneo dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia, il laboratorio di Carmelo Carlo Stella presso il Dipartimento di Oncologia ed Ematologia dell’Istituto Clinico Humanitas di Milano e il laboratorio di Marco Mor presso il Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’università Degli Studi di Parma.

Tag: Mieloma multiplo / oncologia / ricerca /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE