Merck & Co. con Pfizer, Amgen e Incyte per testare nuovo antitumorale immunologico

Pubblicato il: 10 Febbraio 2014|

Ancora un’alleanza fra competitor per lo sviluppo di nuove molecole promettenti: Merck & Co. –  l’azienda farmaceutica nota come MSD al di fuori degli Stati Uniti – ha promosso un’intesa con tre concorrenti – Pfizer, Amgen e Incyte – per lo sviluppo congiunto di una propria molecola, che ha il nome provvisorio di MK-3475.

 

Il farmaco “condiviso” da Merck è un antitumorale immunologico, che dovrebbe permettere al sistema immunitario di riconoscere le cellule tumorali silenziando una proteina chiamata Pd-1. Secondo i ricercatori che hanno individuato la molecola, il nuovo farmaco potrebbe essere efficace, da solo o in combinazione con altri prodotti, su un gran numero di tumori. L’MK-3475 ha uno spettro d’azione tanto ampio che MSD ha già varato studi su 20 differenti tipi di tumore.

 

L'alleanza con Pfizer, Amgen e Incyte permetterà proprio di aumentare il numero di tumori sui quali il nuovo prodotto potrà essere testato: ognuna delle aziende alleate, infatti, parteciperà a uno o più test clinici di Fase I e II, che esamineranno l’efficacia di MK-3475 in combinazione con una loro molecola antitumorale su una serie di tumori, che vanno da quello al polmone al melanoma avanzato.

 

“Queste nuove collaborazioni – ha sottolineato Roger M. Perlmutter, presidente di Merck Research Laboratories – sottolineano la nostra determinazione comune nel valutare trattamenti che possano portare grandi benefici ai pazienti”.

 

Vale la pena di ricordare, infine, che Merck e Pfizer sono anche tra i protagonisti della Accelerating Medicines Partnership, l'alleanza lanciata dall'NIH  statunitense per la condivisone, lo sviluppo e l’efficientamento della ricerca di base, e in particolare per la messa a punto di nuove terapie contro diabete, Alzheimer, artrite reumatoide e lupus eritematoso.

 

Tag: alleanza / cancro / combinazione / Merck & Co. / msd / Pd-1 / pfizer / ricerca / test /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE