Ministero della Salute, 100 milioni di euro per il Bando della ricerca finalizzata 2019

Pubblicato il: 23 Ottobre 2020|

Sono 100 milioni di euro i fondi per la ricerca sanitaria messi a disposizione dal ministero della Salute con il Bando della ricerca finalizzata 2019. Attraverso il bando ricerca finalizzata, il ministero della Salute mette a disposizione ogni anno risorse per i ricercatori che intendono condurre progetti di ricerca sanitaria per assicurare lo sviluppo e la qualità delle prestazioni del Servizio sanitario ai cittadini.

Il Comitato Tecnico Sanitario sezioni c) e d) nelle riunioni del 22 e 30 settembre 2020 ha approvato nell’ambito del Bando per la ricerca finalizzata la graduatoria finale e l’attribuzione del finanziamento ministeriale alle tipologie progettuali “Giovani ricercatori” GR, “Ordinari di ricerca finalizzata” (RF) e “Cofinanziati” (CO) collocatisi in posizione utile.

I risultati del Bando in cifre

Sono stati 1703 i progetti presentati da ricercatori operanti in strutture del Servizio sanitario nazionale e certificati dai rispettivi destinatari istituzionali. I progetti finanziabili sono:

  • 107 progetti Ordinari di ricerca finalizzata
  • 104 progetti presentati da giovani ricercatori
  • 7 progetti cofinanziati
  • 38 borse di studio rivolte a giovani ricercatori sotto i 33 anni previste nella sezione Starting grant.

Questi si aggiungono ai due progetti dei “Programmi di rete” Net e al progetto di ricerca sulla fibromalgia (quest’ultimo ha visto coinvolte tutte le regioni con il coordinamento della regione Liguria), per un finanziamento complessivo pari a 100 milioni di euro. La percentuale di proposte finanziate è risultata essere circa del 15% di tutti i progetti presentati.

La valutazione dei progetti

Come previsto dal bando della ricerca finalizzata, la valutazione dei progetti è stata svolta in modo da assicurare una netta separazione tra le fasi amministrativa, di valutazione e di audit. La fase amministrativa è stata svolta dagli uffici 3 e 4 della Direzione generale della ricerca e dell’innovazione in sanità del ministero della Salute. La valutazione si è svolta in due fasi: una valutazione da parte di revisori internazionali secondo il sistema della peer review ed una successiva a specifici panel scientifici (uno per sezione) per l’ulteriore verifica e validazione della graduatoria di merito. L’audit è stato svolto dal Comitato tecnico sanitario, che dopo avere effettuato le verifiche previste dal bando, ha stilato una graduatoria definitiva specifica per ogni tipologia progettuale approvando la relativa attribuzione del finanziamento.

Tag: Bando di ricerca finalizzata / Ministero della Salute /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE