Omicron, i test sierologici attuali non sono indicativi

Pubblicato il: 27 Dicembre 2021|

A un anno dall’inoculazione del primo vaccino anti Covid-19, sono ancora numerose le domande senza risposta contro la malattia. Soprattutto a causa delle varianti del virus. Per provare a dare qualche risposta i ricercatori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie hanno condotto uno studio sulla mutazione Omicron, presentato durante una conferenza stampa del Governatore del Veneto Luca Zaia. Ricerca che mostrerebbe come il test sierologico per la conta degli anticorpi non avrebbe più lo stesso valore di prima.

A dirlo è Francesco Bonfante responsabile del Laboratorio ricerca modelli animali presso la SCS6 – Virologia speciale e sperimentazione dell’Istituto Zoprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe), che ha condotto lo studio.

Nessun sierologico è utile per Omicron

“Non ci sono test attendibili perchè il virus è mutato” continua.  “Il test sierologico nell’arco di due mesi, da marzo a maggio 2020 ha visto 250 approvazioni: quindi c’è di tutto e di più. Ci sono i test altamente specifici e in grado di dare un dato simile a quello che diamo noi e tutti quelli che sono meramente un sì o no, ovvero sei hai anticorpi o non li hai”. Omicron però ha modificato lo scenario. Questo infatti era vero prima della nuova variante mentre adesso “per avere un’idea prudenziale non ci sono test sierologici disponibili in grado di dare un correlato del livello di protezione” ha aggiunto Bonfante. “Proprio perchè il virus è mutato profondamente e i test sono ormai basati sul virus di due anni fa. Quindi basarsi una forte positività anticorpale con il migliore dei test sierologici in commercio adesso è inutile. Lo posso dire senza tante remore”.

Lo studio Veneto su Omicron

Lo studio è stato condotto in collaborazione con le microbiologie del territorio che hanno fornito il virus con la mutazione Omicron all’Istituto, come spiega Antonia Ricci direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie (IZSVe). “Lo abbiamo coltivato e fatto crescere – continua – mentre da Verona e Padova sono arrivati i sieri di persone vaccinate che abbiamo messo a contatto con il virus con variante Omicron per vedere come si comportavano a contatto con la mutazione”.

Servono meno anticorpi contro Omicron

Bonfante ha anche spiegato che gli anticorpi neutralizzanti contro il virus di due anni fa sono stati quantificati e confrontati con quelli contro la variante Omicron. “Esiste un valore soglia che dà protezione rispetto all’infezione: prima della terza dose i titoli anticorpali fanno sì che solo il 5% sia protetto, dopo la terza dose ben il 75% delle persone testate aveva un livello sufficientemente alto”.

Ripetendo il test con il siero di persone che hanno contratto la variente delta – ancora la dominante – il risultato è migliore: un 67% è protetto prima della dose booster del vaccino, dopo la terza dose il 94% è protetto. “Infine la quantità di anticorpi necessaria per essere protetti dalla malattia grave contro Omicron è più bassa rispetto alle altre varianti, e dopo la terza dose si riduce ancora di più” ha concluso il ricercatore.

Tag: covid-19 / Omicron / test sierologici / varianti /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE