Sla, scoperto un nuovo potenziale biomarcatore diagnostico

Pubblicato il: 26 Gennaio 2022|

L’accumulo della proteina pTDP-43 potrebbe essere un nuovo biomarcatore diagnostico per la Sclerosi Laterale Amiotrofica (Sla). A scoprirlo un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano che per la prima volta ha rilevato la presenza di specifici accumuli di tale proteina nel sistema nervoso periferico dei pazienti affetti da Sla, grazie alla biopsia del nervo motorio, una tecnica diagnostica avanzata.

In particolare, la ricerca coordinata da Nilo Riva, neurologo ricercatore dell’Unità Operativa di Neurologia San Raffaele, ha mostrato che la proteina pTDP-43 si accumula all’interno dei nervi motori dei pazienti con Sla prima che avvenga la degenerazione assonale tipica della patologia, suggerendo che questo evento precoce potrebbe contribuire alla patogenesi della malattia neurodegenerativa e costituire, in futuro, un possibile biomarcatore diagnostico.

La ricerca – pubblicata sulla rivista Brain  è frutto della collaborazione con altri istituti e ospedali italiani ed è stata possibile grazie al sostegno di Fondazione AriSLA, del ministero della Salute e della Fondazione Giovanni Marazzina.

La Sla e i nervi motori

La Sla è la forma più conosciuta e aggressiva delle malattie del motoneurone, patologie caratterizzate da una degenerazione precoce dei neuroni responsabili del movimento, localizzati a livello della corteccia cerebrale, del tronco encefalico e nel midollo spinale. Più del 95% del volume totale di queste cellule, altamente specializzate, è costituito dal prolungamento assonale, parte strutturale essenziale dei nervi periferici. I ricercatori del San Raffaele hanno deciso pertanto di concentrarsi sul ruolo del sistema nervoso periferico nello sviluppo della malattia, e in particolare sulla presenza di aggregati proteici all’interno dei nervi motori.

Lo studio del San Raffaele

“Siamo già a conoscenza, grazie ad analisi post mortem, della presenza di depositi della proteina pTDP-43 nel cervello dei pazienti con Sla – spiega Riva – ma mai questa indagine era stata condotta nei nervi periferici”. “Sfruttando la biopsia del nervo motorio, tecnica precedentemente sviluppata sempre al San Raffaele – continua – è stato possibile analizzare gli accumuli di questa proteina in vivo, in pazienti valutati nella fase di inquadramento diagnostico”.

I ricercatori hanno raccolto retrospettivamente i campioni di nervo motorio prelevati da 102 pazienti affetti da Sla nella fase iniziale della malattia. L’accumulo della proteina è stato riscontrato sia negli assoni (oltre il 98% dei casi) sia nelle cellule di Schwann (oltre il 70%), le cellule che contribuiscono a formare la guaina mielinica intorno agli assoni stessi.

Un nuovo biomarcatore diagnostico specifico

“Gli accumuli di pTDP-43 sono stati trovati anche precedentemente al danno morfologico, ossia prima che avvenisse la degenerazione assonale” aggiunge Riva. “Questo significa che, in linea teorica, la presenza di pTDP-43 nel nervo potrebbe essere sfruttata come biomarcatore diagnostico specifico”. Data l’eterogeneità fenotipica della Sla, la sua diagnosi non è infatti sempre facile e immediata e normalmente avviene solo attraverso l’analisi dei sintomi. “La biopsia del nervo motorio rimane tuttavia una tecnica invasiva, seppur minimamente, e per questo sarebbe da considerarsi un esame di secondo livello, da eseguire in caso di diagnosi dubbie in centri specializzati come il nostro,” conclude Nilo Riva.

 Nuove prospettive di diagnosi e cura per la Sla

Lo studio del San Raffaele getta anche nuova luce sui meccanismi biologici alla base della malattia e sulla rilevanza del sistema nervoso periferico per lo sviluppo di future terapie. “Il prossimo passo consiste nel cercare di comprendere sempre più nel dettaglio – attraverso modelli sperimentali della malattia – il processo di accumulo proteico che avviene negli assoni e nelle cellule di Schwann” precisa Angelo Quattrini, responsabile dell’Unità di ricerca di Neuropatologia Sperimentale del San Raffaele che insieme a Massimo Filippi, professore ordinario di Neurologia presso l’Università Vita-Salute San Raffaele ha diretto al ricerca.

“Se questi accumuli hanno un ruolo patogenetico, si potrebbe pensare in futuro di bloccare ed eliminare gli accumuli proteici per prevenire così la degenerazione: ricordiamo infatti che ad oggi non esistono cure risolutive per i pazienti affetti da Sla e che le terapie si limitano ad alleviare alcuni sintomi” afferma Filippi.  In una prospettiva più ampia: “La nostra ricerca apre nuovi scenari anche per altre malattie neurodegenerative associate all’accumulo di pTDP-43, come la demenza frontotemporale” conclude l’esperto. “La presenza di depositi proteici nel sistema nervoso periferico potrebbe costituire, anche in quel caso, un marcatore diagnostico e prognostico innovativo”.

Tag: biomarcatori / malattie neurodegenerative / San Raffaele / sla /

CONDIVIDI

AP-DATE

L'INFORMAZIONE OGNI GIORNO

SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE