Tumore a cellule di Merkel, istituzioni e mondo scientifico fanno il punto

Tumore a cellule di Merkel, istituzioni e mondo scientifico fanno il punto
Pubblicato il: 17 Maggio 2018|

Si è svolto il 16 maggio a Roma il convegno dedicato al tumore a cellule di Merkel “Immuno-oncologia: partiamo dai tumori rari, facciamo il punto sul Merkeloma”. A promuoverlo è stato l’Osservatorio sanità e salute, con il contributo non condizionante di Merck e Pfizer.

I tumori rari in Italia

I tumori rari sono neoplasie che si manifestano in un numero molto ristretto di persone. Possono svilupparsi in diverse parti dell’organismo e avere caratteristiche molto differenti. La scarsa diffusione è l’unico elemento che accomuna tutti questi tipi di tumori, che rappresentano una famiglia molto eterogenea di patologie. A oggi, la Rete nazionale dei tumori rari utilizza la soglia di incidenza inferiore o uguale a 6 casi su 100 mila. E in Italia, secondo i dati dello studio Rita ogni anno sono circa 60 mila le nuove diagnosi. Tra i più noti ci sono alcune forme di leucemie e linfomi, tumori pediatrici come il retinoblastoma o tumori solidi dell’adulto come il tumore gastrointestinale stromale (Gist) e i tumori neuroendocrini (Pnet).

Cursi (Osservatorio sanità e salute): “Una grande sfida per la società”

“La nostra mission – ha detto il senatore Cesare Cursi, presidente dell’Osservatorio sanità e salute – è dare risposte concrete al cittadino, agli operatori del mondo sanitario e della politica stessa, sulle criticità oggettive percepite intorno all’universo sanitario e sulla qualità dei servizi erogati. I tumori rari, e nello specifico il carcinoma a cellule di Merkel, rappresentano una grande sfida per la società tutta. Per questo sono onorato di aver promosso e riunito esponenti del mondo istituzionale, sanitario e scientifico con l’obiettivo di fare il punto della situazione e proporre concrete soluzioni di intervento”.

Ascierto (Istituto Pascale di Napoli): “I tumori neuroendocrini rappresentano meno dello 0,5% di tutte le neoplasie maligne”

“I tumori neuroendocrini in realtà sono relativamente rari”, ha spiegato Paolo Ascierto, presidente della Fondazione melanoma e direttore dell’Unità di Oncologia sperimentale melanoma, immunoterapia e terapie innovative dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli nonché coordinatore scientifico del convegno. “Rappresentano meno dello 0,5% di tutti i tumori maligni. In Italia si registrano 3-4 nuovi casi ogni 100 mila persone in un anno. Il che equivale a circa 2.500-2.700 nuovi casi all’anno. Probabilmente è più corretto affermare che i tumori neuroendocrini sono tumori a bassa incidenza ma con un’alta prevalenza. Poiché spesso i pazienti convivono per molti anni con la malattia”.

“L’incidenza è aumentata grazie al miglioramento delle tecniche di diagnosi”

“Questi tumori – ha aggiunto Ascierto – possono essere diagnosticati anche in bambini e adolescenti, ma sono più comuni tra gli adulti e gli anziani. I più frequenti sono quelli che riguardano il tratto gastro-entero-pancreatico (60-70%), seguono quelli che colpiscono polmoni e apparato respiratorio (20-30%) o altre regioni del corpo (10%) come cute, tiroide, paratiroide e surreni. Negli ultimi decenni l’incidenza registrata è aumentata soprattutto perché sono migliorate le tecniche di diagnosi e la conoscenza delle caratteristiche delle malattie”.

Il tumore a cellule di Merkel

Oggi anche per questo tipo di tumore l’immunoterapia rappresenta una realtà con risultati preliminari che in potenza sono simili a quelli riscontrati nel melanoma. Il carcinoma a cellule di Merkel (Ccm) è un raro tumore della pelle, descritto per la prima volta nel 1972, ricondotto alla famiglia degli APUDomi e definito come “carcinoma neuroendocrino della cute”. Colpisce un sottogruppo di cellule neuroendocrine cutanee – le cellule di Merkel – da cui prende il nome. Si tratta di una forma tumorale primitiva. Contraddistinta dalla comparsa – soprattutto a livello della testa e del collo – di lesioni eterogenee di varie dimensioni, che di solito si manifestano come un nodulo color carne o rosso-bluastro, duro, indolore e lucido. L’infezione da poliomavirus a cellule di Merkel è uno dei principali fattori di rischio di Ccm.

Ogni anno 240 nuovi casi

Una neoplasia rara, quella del carcinoma a cellule di Merkel, che in Europa rappresenta meno dell’1% di tutti i tumori maligni cutanei. In Italia vengono diagnosticati ogni anno 240 nuovi casi.

Spandonaro (Crea Sanità): “Si assiste a una crescita dei casi”

I dati epidemiologici, come per molte patologie rare, sono tuttavia a forte rischio di sottostima, anche perché la rilevazione precoce è difficile. “Da uno studio di Crea Sanità – ha spiegato Federico Spandonaro, professore aggregato presso l’Università degli studi di Roma Tor Vergata e presidente di Crea Sanità – emerge che, pur rimanendo il merkeloma un tumore raro e con un impatto sui costi dei Ssr limitato, sul versante epidemiologico si assiste a una tendenza alla crescita dei casi.

Tale crescita è dovuta al fatto che l’incidenza è molto legata al crescere dell’età e all’invecchiamento della popolazione. Si determina, inoltre, una inversione del rapporto fra i sessi. L’incidenza fra le donne è crescente. La disponibilità di terapie specifiche e i cambiamenti in corso, uniti alla difficoltà di diagnosi, impongono una razionalizzazione dei percorsi diagnostico-terapeutici a livello regionale. Con lo scopo di garantire equità di accesso ed efficace presa in carico dei pazienti”.

Messina (Merck): “Alleanza Merck-Pfizer per indagare il potenziale terapeutico di avelumab”

Diagnosi precoce, presa in carico del paziente e cure appropriate favorirebbero appunto una migliore gestione del tumore. E inciderebbero in modo positivo non solo sulla salute delle persone. Ma anche sul contenere la spesa sanitaria. “L’immuno-oncologia è un ambito di massima priorità per Merck e Pfizer”, ha detto Antonio Messina, a capo del business biofarmaceutico di Merck in Italia. “Questa alleanza ci consente di beneficiare dei rispettivi punti di forza e delle rispettive capacità e di indagare in modo ulteriore il potenziale terapeutico di avelumab, anticorpo anti-PD-L1 in principio scoperto e sviluppato da Merck”.

Stanzione (Pfizer): “Svilupperemo programmi clinici internazionali ad alta priorità di valutazione di avelumab”

Alberto Stanzione, direttore Oncologia di Pfizer in Italia, ha aggiunto: “Con questa alleanza avremo la possibilità di sviluppare e commercializzare avelumab in modo congiunto. E di portare avanti lo sviluppo di un anticorpo anti PD-1 di Pfizer. Offrendo così valide alternative terapeutiche a pazienti affetti da diverse tipologie di tumore, alcune delle quali rare e orfane di trattamenti efficaci. L’alleanza è concentrata sullo sviluppo di programmi clinici internazionali ad alta priorità di valutazione di avelumab in monoterapia e in regimi terapeutici di associazione e per individuare nuovi modi per trattare il cancro”.

Tag: Crea Sanità / malattie rare / merck / Osservatorio Sanità e Salute / pfizer /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE