Usa, 465 nuovi farmaci contro le malattie croniche

Pubblicato il: 26 Marzo 2013|

Contro le principali malattie croniche che colpiscono gli ‘over 65’ le biofarmaceutiche statunitensi stanno  sviluppando 465 farmaci. Attualmente – lo ha reso noto la Pharmaceutical Research and Manufacturers of America (Phrma) – i nuovi medicinali sono tutti in fase di studio clinico o sotto esame da parte dell’Fda (Food and drug administration).

Si tratta di 142 medicinali per il diabete, che colpisce 10,9 milioni di americani oltre i 65 anni (circa il 26,9% della popolazione in questa fascia di età), 92 per l'artrite reumatoide e l'osteoartrite, che colpiscono rispettivamente 1,3 milioni e 12,4 milioni di americani anziani, 82 per l’Alzheimer, che conta circa 5,4 milioni di pazienti e potrebbe affliggere quasi otto milioni di persone Oltreoceano entro il 2030, 48 per l'insufficienza cardiaca, che riguarda 5,8 milioni di cittadini over 65, e 40 per la Bpco, contro cui combattono più di 13 milioni di adulti negli Stati Uniti.

La Phrma  specifica inoltre che i trattamenti in fase di sviluppo comprendono un farmaco anti-Alzheimer, anticorpo monoclonale umano progettato per 'cancellare' la proteina beta amiloide dal cervello attraverso il sistema sanguigno e un prodotto che 'recluta' le cellule staminali neurali del paziente per la riparazione o per proteggere da danni al sistema nervoso centrale causati dall'ormone dello stress, che possono portare alla depressione.

Tag:

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE