Zambon punta su Clearvale per il social network aziendale

Pubblicato il: 15 Ottobre 2013|

Migliorare la comunicazione e la collaborazione aziendale senza barriere geografiche e temporali. Per raggiungere questo scopo la multinazionale chimico-farmaceutico italiana Zambon ha scelto di utilizzare Clearvale come nuova piattaforma di social networking aziendale.

Sviluppata da BroadVision, azienda californiana specializzata in soluzioni di e-business e di engagement management, Clearvale consente agli utenti di costruire relazioni, condividere idee e documenti, creare contenuti e condividerli con altri utenti. Grazie a una piattaforma disponibile in cloud computing  il sistema facilita in questo modo la collaborazione e la condivisione delle informazioni e delle conoscenze su iniziative di business e progetti aziendali, riducendo il numero di riunioni, conference call e del traffico e-mail per le attività lavorative giornaliere e incrementando la velocità di scambio delle informazioni.

“In Zambon consideriamo le informazioni e la condivisione della conoscenza essenziali per comprendere lo scenario globale delle performance aziendali – dichiara Luigi Romanelli, Chief information officer di Zambon Group – Clearvale è unico per la completezza delle funzionalità di Enterprise Social Networking e per l’eccezionale facilità e velocità di utilizzo.”

"Clearvale ci permette di sfruttare le crescenti opportunità nel settore dell’engagement management, fornendo ai nostri clienti una piattaforma che permette loro di aggiungere discussioni informali e aperte ai processi di lavoro" spiega  Bruno Paneghini, Presidente di Gruppo Reti, consulente Ict dell'azienda.

 Con sede a Bresso, Zambon è stata fondata a Vicenza nel 1906 e oggi opera direttamente  in Europa, Nord e Sud America e Asia con oltre 2600 dipendenti in 15 paesi, tra cui Svizzera, Francia, Cina e Brasile.

Tag: AboutEducation / aboutpharma digital awards / Digital / Zambon /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE