Dermatologia: AstraZeneca sigla accordo con la danese LEO Pharma

dermatite atopica
Pubblicato il: 4 Luglio 2016|

La farmaceutica anglosvedese AstraZeneca (AZ) ha siglato un accordo strategico con la danese LEO Pharma in campo dermatologico. In base ai termini del contratto LEO Pharma otterrà i diritti per lo sviluppo e la commercializzazione di tralokinumab e brodalumab, due terapie sperimentali di AZ in studio rispettivamente per il trattamento della dermatite atopica e della psoriasi.
L’anticorpo monoclonale anti interleuchina-13 tralokinumab ha completato da poco la fase IIb di sperimentazione clinica come terapia per la dermatite. In base al contratto a farmaceutica anglosvedese riceverà un versamento iniziale di 115 milioni di dollari e ulteriori pagamenti fino a un miliardo di dollari al raggiungimento di determinati obiettivi commerciali. AstraZeneca manterrà però  i diritti del farmaco su tutte le altre indicazioni, ad esclusione del campo dermatologico. Tralokinumab, ad esempio, è attualmente in sviluppo in fase 3 anche come terapia per l’asma severo.
L’altro farmaco oggetto dell’operazione è brodalumab, un anticorpo monoclonale diretto contro il recettore dell’interleuchina-17 in sviluppo per il trattamento dei pazienti con psoriasi a placche da moderata a severa con artrite psoriasica. Il farmaco da settembre dello scorso anno era oggetto di un accordo di licenza tra AstraZeneca e Valeant Pharmaceuticals, ora terminato in Europa con il nuovo accordo con LEO Pharma. Valeant conserverà i diritti nel resto del mondo, al di fuori del Giappone e dei paesi asiatici dove la licenza è detenuta da Kyowa Hakko Kirin.
L’operazione è parte della strategia di AstraZeneca che mira a  focalizzare le attività aziendali in tre aree terapeutiche chiave: Respiratorio, Patologie infiammatorie e autoimmuni, cardiovascolare e malattie metaboliche e infine Oncologia.

Tag: accordo / Astrazeneca / brodalumab / Dermatologia / diritti / LEO Pharma / licenza / tralokinumab / Valeant Pharmaceuticals /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE