eHealth, al via a Roma la settima edizione del Digital Pharma Europe

Pubblicato il: 13 Maggio 2015|

Fascicolo sanitario elettronico, telemedicina, applicazioni mobili, siti web di educazione alla salute, cloud e Big Data nella ricerca scientifica. Sono solo alcuni dei temi al centro della settima edizione del Digital Pharma Europe in programma a Roma da oggi fino al 15 maggio. L’evento, organizzato da Exl Events e Merck Serono spa, riunisce oltre centocinquanta top manager del farmaceutico, provenienti da venticinque Paesi.

A livello globale l’eHealth vanta una dimensione di mercato stimata fra i 96 e i 160 miliardi di dollari.  Solo in Europa vale oltre 15 miliardi di Euro con un tasso di crescita annua del 3%. “La pervasività del digital in ambito Healthcare ha radicalmente modificato gli scenari ed il modus operandi di tutti gli attori del sistema salute – afferma Antonio Messina, presidente e amministratore delegato di Merck Serono – Oggi una realtà come la nostra, che si pone l’obiettivo di rispondere con soluzioni innovative ai bisogni dei suoi interlocutori, che siano essi medici o pazienti, non può dedicarsi solo ed unicamente alla ricerca e sviluppo di nuovi farmaci sempre più efficaci.  Dobbiamo essere un ‘Healthcare provider’ a 360 gradi, capace di adottare la tecnologia per rispondere alle esigenze terapeutiche ancora insoddisfatte”.

Uno degli esempi dell’impegno di Merck Serono sul terreno dell’innovazione digitale riguarda i dispositivi elettronici per la somministrazione dei farmaci per i disturbi della crescita e la sclerosi multipla: strumenti che permettono anche di registrare elementi relativi all’assunzione del farmaco da parte del paziente, e di condividerli con il medico attraverso una piattaforma on line, consentendo così allo specialista di monitorare l’aderenza alla terapia. “Siamo stati pionieri nello sviluppo dei dispositivi elettronici di autosomministrazione – aggiunge Messina – ma non ci siamo fermati a questo. Le iniziative “digital” di Merck Serono S.p.A. sono davvero tante e variegate. Stiamo esplorando le possibilità offerte dai supporti digitali per l’informazione scientifica; abbiamo lanciato App per tablet e smartphone per finalità molto diversificate e siti Internet di disease awareness destinati ai pazienti ed ai loro familiari. Al momento abbiamo in essere circa 30 progetti digitali”.

L’Italia è tra i primi cinque mercati europei dell’eHealth (insieme al Regno Unito, che fa la parte del leone, la Germania, la Francia e la Spagna). Eppure il nostro Paese ha ancora ampi margini di crescita per ottimizzare al meglio le potenzialità offerte dal digitale: il rapporto DESI 2015, che valuta lo stato di avanzamento degli Stati membri dell’Ue verso un’economia digitale, inserisce l’Italia tra i paesi con prestazioni basse, insieme a realtà come la Bulgaria, Cipro, la Grecia, la Croazia, l’Ungheria, la Polonia, la Romania, la Slovenia e la Slovacchia. A penalizzare l’Italia soprattutto l’accesso a connessioni internet veloci (disponibili solo a due famiglie su dieci) e la percentuale di utenti abituali della Rete (59%, una delle più basse della Ue).

Tag:

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE