Risultati finanziari 2021: Novartis triplica l’utile. Roche fatturato in crescita, ma reddito netto cala (-1%)

Pubblicato il: 3 Febbraio 2022|

Novartis triplica l’utile netto e incrementa il fatturato del 6%. Roche cresce nel fatturato (+8%), ma fa registrare un calo nell’utile netto (-1%). Archiviato il 2021 è tempo di bilanci per il mondo farmaceutico. Il settore sembra proseguire nel proprio momento d’oro, facendo registrare performance significative nell’ultimo trimestre dell’anno. Particolarmente interessanti i numeri dei due colossi svizzeri, sui quali pesa l’operazione dell’uscita di Novartis dall’azionariato proprio di Roche.

I numeri di Novartis

Novartis nel 2021 ha realizzato una crescita a una singola cifra media. A colpire è il dato relativo all’utile netto, cresciuto del 198% (passando da 8 a 24 milioni di dollari). Tale risultato è principalmente frutto dei guadagni derivanti dal disinvestimento delle azioni in Roche (14,6 miliardi di dollari). Nell’intero anno, la crescita del fatturato è stata del 6%, trainata dalle performance di Innovative medicine (cresciuta dell’8%. Il risultato operativo è cresciuto del 15%, grazie soprattutto all’incremento del fatturato. L’utile netto per azione è stato di 6,29 dollari (+9%), trainato soprattutto dal risultato operativo core (+8%). Per il 2022 le previsioni dell’azienda indicano una crescita a singola cifra media per il fatturato e il risultato operativo core.

novartis

I risultati del quarto trimestre

Soprattutto nel quarto trimestre, Novartis ha fatto registrare numeri rilevanti. Negli ultimi tre mesi del 2021, infatti, il fatturato è cresciuto del +4% in dollari e il risultato operativo core è aumentato del +9%. Il fatturato di Innovative medicines è cresciuto del 5% e il risultato operativo core del 12%.  Il fatturato di Sandoz è rimasto stabile, così come il risultato operativo core, in linea con quello dell’anno precedente.

Futuro rivolto all’innovazione

Commentando i risultati, il Ceo di Novartis Vas Narasimhan ha dichiarato: “Novartis ha realizzato un altro anno di solide performance operative con una crescita a singola cifra media, un’espansione dei margini e un forte free cash flow. I nostri driver di crescita sul mercato continuano a offrire buoni risultati nelle diverse aree geografiche, sostenendo la nostra fiducia nelle prospettive di crescita a medio e lungo termine. Nonostante alcune battute d’arresto della pipeline, abbiamo raggiunto importanti pietre miliari dell’innovazione. Guardando al futuro, siamo concentrati sugli sviluppi della nostra pipeline e delle piattaforme tecnologiche chiave, che comprendono più di venti asset con importanti potenzialità, da approvare entro il 2026. Manteniamo un equilibrio tra le nostre priorità di allocazione del capitale mentre continuiamo a investire nell’innovazione, remunerando il capitale ai nostri azionisti”.

I numeri di Roche

Per quanto riguarda Roche, segno negativo per l’utile netto nel 2021, in calo dell’1%. Tale voce di bilancio è passata da 15 miliardi di franchi svizzeri a 14,9. Il fatturato, invece è in crescita dell’8% (da 58, 3 miliardi a 62,8 miliardi), mentre l’utile operativo passa da 21,5 miliardi a 21,8 (+2%). L’utile per azione diluito in crescita del 3% (da 19,16 a 19,81). Le vendite della divisione pharmaceuticals aumentano dell’1%, mentre un forte slancio si è registrato nella divisione diagnostics, cresciuta rispetto all’anno precedente del 29%.

Roche

Le previsioni

Il gruppo, tramite una nota ufficiale, fa sapere che ci si aspetta un andamento stabile delle vendite o al massimo o una crescita in cifre singole basse (a tassi di cambio costanti). Gli utili per azione, prosegue la nota, sono destinati a crescere nell’intervallo da basso a medio, compreso l’effetto accrescitivo del recente riacquisto di azioni (a dicembre scorso, infatti, Roche ha completato il riacquisto delle proprie azioni detenute da Novartis per 19 miliardi di franchi svizzeri). Roche prevede che le vendite di farmaci e diagnostici contro il Covid-19 diminuiranno da circa due miliardi di franchi a circa 5 miliardi e che le perdite delle vendite di biosimilari nell’anno in corso ammonteranno a circa 2,5 miliardi.

Il Ceo Severin Schwan sui risultati dell’intero anno: “Nel 2021 abbiamo registrato risultati positivi. La domanda per i nostri nuovi farmaci e prodotti diagnostici rimane molto alta. Sono particolarmente soddisfatto dei progressi della nostra pipeline di prodotti in diversi settori, tra cui oncologia, perdita della vista e malattie neurologiche. Sulla base del nostro portafoglio di prodotti in entrambe le divisioni e della promettente pipeline di prodotti, siamo ben posizionati per la crescita futura.”

Tag: bilanci / investimenti / novartis / roche /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE