One Health, al via la collaborazione tra Fao e Sacru per sicurezza alimentare e salute globale

Pubblicato il: 28 Ottobre 2022|

Incentivare un approccio alla salute integrale e sostenibile che mira a ridurre la malnutrizione e lavora per raggiungere importanti risultati di One Health: la salvaguardia della salute umana, animale, vegetale e degli ecosistemi. Con questo obiettivo nasce la lettera di intenti sottoscritta dalla Fao (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura) e la Sacru (Strategic alliance of catholic research universities). Si tratta di un accordo bilaterale di collaborazione finalizzato a contrastare le diseguaglianze alimentari e sanitarie del pianeta, la resistenza agli antimicrobici, la diffusione delle zoonosi endemiche, come la rabbia. Un’attività che richiede una solida analisi dei sistemi agroalimentari. 

La lettera di intenti

La lettera di intenti tra Fao e Sacru, sottoscritta dal direttore generale aggiunto Fao, Maria Helena Semedo, e dal vice presidente di Sacru, Franco Anelli, rettore dell’Università Cattolica che ospita il Segretariato dell’Alleanza delle università cattoliche, nasce con l’auspicio di facilitare il conseguimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile due, tre e dieci dell’Agenda Onu 2030 (zero fame, salute e benessere, riduzione delle disuguaglianze) e si inserisce nella direzione recentemente intrapresa dalla comunità internazionale.

Il Piano d’azione One Health

La lettera segue le attività intraprese secondo il One Health Priority Programme della Fao, il lancio del nuovo Piano d’azione congiunto One Health del Quadripartito (Fao, Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, Organizzazione mondiale della sanità e Organizzazione mondiale per la salute degli animali).

La collaborazione

Fao e Sacru, inoltre, approfondiranno la collaborazione sulla Global Food Safety e l’approccio One Health, cercando in particolare di integrare diverse competenze per sviluppare capacità in materia di sicurezza alimentare, nutrizione e sistemi alimentari sostenibili e resilienti a livello nazionale e regionale, e per aumentare la consapevolezza delle buone politiche di One Health, identificando casi di studio di successo e condividendo le best practice. In tal senso, una particolare attenzione sarà dedicata ai Paesi in via di sviluppo.   

Le università della Sacru

La Sacru riunisce nella stessa rete otto università cattoliche presenti in quattro continenti (Australian Catholic University, Boston College, Universitat Ramon Llull, Pontificia Universidad Católica de Chile, Pontifícia Universidade Católica do Rio de Janeiro, Sophia University, Universidade Catolica Portuguesa, Università Cattolica del Sacro Cuore) che cooperano con l’obiettivo di promuovere un’istruzione globale per il bene comune e una eccellente ricerca interdisciplinare. 

Tag: Fao / franco anelli / maria helena semedo / Oms / one health / Onu / sacru / unep /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE