Angelini Pharma: Daniela Poggio nuovo global communication head

Pubblicato il: 10 Febbraio 2020|

Angelini Pharma ha un nuovo capo della comunicazione. Daniela Poggio arriva in azienda con l’incarico di Global communication head ed entra a far parte del “Leadership team”, il comitato esecutivo di Angelini Pharma. Fra gli obiettivi principali, potenziare le attività di comunicazione interna ed esterna, integrare i diversi canali, puntare su social newtork e brand journalism.

Il profilo

Dal 2013 Daniela Poggio è stata direttrice della comunicazione in Sanofi, dove – ricorda una nota – “ha dato vita ad una vera e propria media company aziendale arrivando nel 2018 a conseguire il riconoscimento come migliore azienda social nell’ambito degli AboutPharma Digital Awards”.

In passato, è stata direttrice della Comunicazione Italia e Grecia di Goodyear Dunlop e ha lavorato in Vodafone. Laureata in Lettere e Filosofia all’Università di Milano ed iscritta all’albo nazionale dei giornalisti pubblicisti, Poggio ha conseguito un Master in Comunicazione Pubblica e Politica. Oggi collabora con La27Ora, il blog femminile del Corriere della Sera, e insegna “Brand Journalism” presso la Facoltà di Comunicazione d’Impresa e relazioni pubbliche dell’Università Iulm di Milano.

Raccontare Angelini Pharma

“L’ingresso di Daniela riflette la nostra volontà di raccontare la storia di innovazione, ricerca e trasformazione che Angelini Pharma sta scrivendo in Italia e nel mondo. Sono certo che con la sua energia, creatività e profonda conoscenza dei canali e dei linguaggi di comunicazione saprà giocare un ruolo decisivo insieme a tutta la nuova squadra manageriale”, commenta Pierluigi Antonelli, ceo di Angelini Pharma.

Tag: angelini / comunicazione / Daniela Poggio / in&out /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE