Assodiagnostici: Renato Bonaita si dimette da presidente

Pubblicato il: 24 Aprile 2020|

Renato Bonaita si dimette da presidente di Assodiagnostici, l’associazione delle imprese che producono e forniscono allergeni e diagnostici in vitro, che fa parte di Confindustria dispositivi medici. La decisione arriva dopo un’intervista pubblicata ieri dal Fatto Quotidiano, da cui Confindustria Dm ha preso le distanze con un comunicato diffuso in serata. Oggetto dell’articolo la questione del “test unico nazionale” per la diagnosi Covid-19.

Confindustria Dm si dissocia

“Confindustria dispositivi medici – si legge nel comunicato – prende fermamente le distanze dall’intervista condotta dal giornalista Vincenzo Iurillo a Renato Bonaita, presidente di Assodiagnostici. Piuttosto ribadiamo, così come abbiamo avuto modo di fare recentemente a mezzo stampa, la forte convinzione che non si debba ricorrere a gare centralizzate o test diagnostici unici nazionali”.

La reazione

Per Bonaita l’articolo uscito ieri riporta dichiarazioni che non era sua intenzione “esprimere nel modo in cui sono state scritte”. Ma arriva comunque il passo indietro: “Dato il momento di grave difficoltà per le imprese e il Paese, ritengo doveroso fare un passo indietro a tutela di Confindustria dispositivi medici e di tutte le aziende associate”, afferma il presidente dimissionario di Assodiagnostici.

Cosa ha detto Bonaita

“Questa è una grave distorsione del mercato” titolava ieri il Fatto Quotidiano, riportando l’opinione di Bonaita sulla gara nazionale per 150 mila test diagnostici firmata dal commissario per l’emergenza Domenico Arcuri. Secondo quanto riportato dal quotidiano, Bonaita ritiene che le gare e le manifestazioni di interesse attualmente in corso per le forniture di test sierologici “siano scritte chiedendo requisiti che possono essere soddisfatti da una sola azienda, la DiaSorin”. Più avanti si parla di “violazione di libera concorrenza, che provocherà una valanga di ricorsi”. Il giornalista insiste: “Lei dice che solo la DiaSorin ha i requisiti. Perché?”. Bonaita risponde: “Perché sono scritti così, anche se le diranno che non è vero. Chiedono certi strumenti, un grande installato, poi una specifica caratteristica, e in automatico rimangono solo loro”.

Tag: Assodiagnostici / Confindustria dispositivi medici / covid-19 / test /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE

Assodiagnostici: Renato Bonaita si dimette da presidente

Pubblicato il: 24 Aprile 2020|

Renato Bonaita si dimette da presidente di Assodiagnostici, l’associazione delle imprese che producono e forniscono allergeni e diagnostici in vitro, che fa parte di Confindustria dispositivi medici. La decisione arriva dopo un’intervista pubblicata ieri dal Fatto Quotidiano, da cui Confindustria Dm ha preso le distanze con un comunicato diffuso in serata. Oggetto dell’articolo la questione del “test unico nazionale” per la diagnosi Covid-19.

Confindustria Dm si dissocia

“Confindustria dispositivi medici – si legge nel comunicato – prende fermamente le distanze dall’intervista condotta dal giornalista Vincenzo Iurillo a Renato Bonaita, presidente di Assodiagnostici. Piuttosto ribadiamo, così come abbiamo avuto modo di fare recentemente a mezzo stampa, la forte convinzione che non si debba ricorrere a gare centralizzate o test diagnostici unici nazionali”.

La reazione

Per Bonaita l’articolo uscito ieri riporta dichiarazioni che non era sua intenzione “esprimere nel modo in cui sono state scritte”. Ma arriva comunque il passo indietro: “Dato il momento di grave difficoltà per le imprese e il Paese, ritengo doveroso fare un passo indietro a tutela di Confindustria dispositivi medici e di tutte le aziende associate”, afferma il presidente dimissionario di Assodiagnostici.

Cosa ha detto Bonaita

“Questa è una grave distorsione del mercato” titolava ieri il Fatto Quotidiano, riportando l’opinione di Bonaita sulla gara nazionale per 150 mila test diagnostici firmata dal commissario per l’emergenza Domenico Arcuri. Secondo quanto riportato dal quotidiano, Bonaita ritiene che le gare e le manifestazioni di interesse attualmente in corso per le forniture di test sierologici “siano scritte chiedendo requisiti che possono essere soddisfatti da una sola azienda, la DiaSorin”. Più avanti si parla di “violazione di libera concorrenza, che provocherà una valanga di ricorsi”. Il giornalista insiste: “Lei dice che solo la DiaSorin ha i requisiti. Perché?”. Bonaita risponde: “Perché sono scritti così, anche se le diranno che non è vero. Chiedono certi strumenti, un grande installato, poi una specifica caratteristica, e in automatico rimangono solo loro”.

Tag: Assodiagnostici / Confindustria dispositivi medici / covid-19 / test /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE

Titolo

Torna in cima