Dispositivi medici, Welcare e Labomar insieme all’Arab health 2022

Pubblicato il: 27 Gennaio 2022|

Mostrare nuovi prodotti e innovazioni ai decision maker del settore sanitario. È questo l’obiettivo della partecipazione all’edizione 2022 di Arab health, da parte di Welcare e Labomar. L’evento rappresenta la più grande fiera medica internazionale in Medio Oriente e si svolge, in presenza dal 24 al 27 gennaio, al Dubai world trade center (e online fino al 28 febbraio 2022). Con la tecnologia e l’innovazione al centro della scena, durante la fiera verranno presentati un’ampia gamma di prodotti e servizi sanitari da oltre 3.500 espositori da tutto il mondo.

Occasione di business

“Welcare ha confermato la partecipazione a questo importante evento per il nostro settore”, spiega Fulvia Lazzarotto, amministratore delegato di Welcare. “Si tratta di un’occasione di business molto importante per la nostra azienda, essendo l’area dei paesi del Golfo uno dei nostri mercati principali. Non va dimenticato, infatti, che Welcare realizza l’80% del fatturato all’estero”. Lo stand Welcare è il numero Z2 H70, all’interno del padiglione italiano.

Collaborazione

Si tratta della prima fiera internazionale in presenza da parte di Welcare in cui sarà presente anche Labomar. Nel corso del 2021, era stata Labomar ad ospitare Welcare all’interno del suo stand a Milano in occasione del CPhI Worldwide

I numeri

Arab Health 2022 riunirà più di 56 mila professionisti sanitari desiderosi di imparare, fare rete e commerciare e presenterà un’ampia gamma di conferenze accreditate Ecm. Inoltre, i partecipanti che desiderano scoprire e reperire nuovi prodotti e connettersi con i fornitori possono accedere online per pianificare in anticipo le loro riunioni e incontrarsi di persona a Dubai o virtualmente dopo l’evento.

Tag: welcare industries /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE