Equivalenti, la tedesca Aristo Pharma arriva in Italia

biosimilari
Pubblicato il: 7 Aprile 2017|

Si arricchisce il panorama italiano dell’industria dei farmaci equivalenti: il gruppo tedesco Aristo Pharma ha annunciato l’apertura di una filiale nel nostro Paese. Fondata nel 2008 a Berlino, l’azienda conta oltre 1.200 dipendenti e sei siti produttivi in Europa. Con l’apertura della sede italiana, rafforza la presenza nel Vecchio Continente, dopo la nascita nel 2012 di una filiale in Spagna.

Aristo Pharma – come spiega una nota diffusa oggi – si presenta con quattro aggettivi chiave, sintetizzati dall’acronimo Safe: solida, affidabile, flessibile ed empatica: Sono questi i “valori distintivi di Aristo Pharma Italy”, spiega l’azienda. “Solidità – sottolinea la nota – fondata sull’appartenenza a un gruppo che vanta un know-how quasi decennale nella produzione di farmaci equivalenti. Affidabilità, garantita dalla qualità, sicurezza ed efficacia dei prodotti e dall’esperienza delle persone che lavorano in azienda. Flessibilità, grazie a una struttura organizzativa snella, in grado di rispondere alle esigenze di farmacisti, medici e pazienti. Empatia, ovvero la capacità di sapere ‘ascoltare’ e cogliere le necessità dei clienti per costruire soluzioni personalizzate”.

L’azienda si candida anche a essere “partner a fianco del farmacista”, con un progetto di ottimizzazione dei punti di vendita. Nel dettaglio, l’iniziativa prevede una prima fase di mappatura della farmacia, per individuare, sulla base dei quattro valori dell’azienda, le aree con margini di miglioramento. Una volta analizzati i risultati, Aristo Pharma Italy proporrà soluzioni personalizzate, sviluppate per il singolo punto vendita, basate su 4 principali aree di intervento: offerta di servizi per il cittadino, animazione (organizzazione di iniziative per la clientela), formazione (corsi Ecm e campagne educative), esposizione (posizionamento dei prodotti e allestimento vetrine).

A guidare la filiale italiana è l’amministratore delegato Giorgio Foresti: “Aristo Pharma sbarca in Italia e punta a ricoprire il ruolo di nuovo player nel mercato dei medicinali equivalenti, portando nel nostro Paese la tradizione e la credibilità del gruppo e l’affidabilità della sua gamma di prodotti per la salute e il benessere delle persone”, commenta il manager.

Tag: equivalenti / filiale / generici / Giorgio Foresti / Italia /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE