Farmindustria, 1000 lavoratori ricollocati con Welfarma

Farmindustria, 1000 lavoratori ricollocati con Welfarma
Pubblicato il: 29 Ottobre 2013|

Sono mille i lavoratori del settore farmaceutico ricollocati grazie al modello Welfarma, realizzato da Farmindustria insieme ai sindacati, con la compartecipazione del ministero del Lavoro e l’assistenza tecnica di Italia Lavoro. Il modello sperimentale di responsabilità sociale d’impresa è stato l’argomento del convegno “Sinergie al lavoro per le buone pratiche. Welfarma: modello per la gestione integrata delle crisi industriali”, che si è svolto questa mattina presso l’Inail.

Welfarma, ha spiegato il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi, intervenendo al convegno, è nato in seguito alla constatazione che la perdita di posti di lavoro subita dal settore farmaceutico, 13.500 dal 2006 al 2013, non era “una normale fluttuazione ciclica dell’occupazione, ma a un vero e proprio cambio di paradigma, che aveva bisogno di schemi nuovi”.

Al lavoratore che ha perso il posto viene offerto un voucher del valore massimo di 2 mila euro da utilizzare per corsi di formazione o riqualificazione, con un’operazione finanziata in parte dalla stesse aziende e con un contributo di un milione di euro messo sul tavolo dal ministero del Lavoro. L’adesione è volontaria, dal 2008 hanno partecipato 703 lavoratori provenienti da 20 aziende diverse. Di questi il 38% è stato ricollocato.

Questo programma di ricollocamento e riqualificazione dei lavoratori ha trovato inoltre terreno fertile nella farmaceutica che, ha ricordato Scaccabarozzi, “è stato il primo settore a dotarsi di fondi di assistenza complementare e di sanità integrativa. Strumenti altamente innovativi che – ha spiegato – hanno consentito di sostenere la competitività del settore ed essere all’avanguardia nell’applicazione di istituti flessibili. Con lo stesso spirito – ha aggiunto Scaccabarozzi – è nato Welfarma che si basa su un approccio attento alle specificità aziendali che – a sua volta – si riflette anche nel fatto che la farmaceutica è – ha concluso – il settore con il più alto utilizzo di contrattazione di secondo livello”.

Tag: farmindustria / Inail / massimo scaccabarozzi / presidente di Farmindustria /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE