Frédéric Oudéa da Société Générale a Sanofi: sarà presidente non esecutivo del cda

Pubblicato il: 5 Settembre 2022|

Frédéric Oudéa, attuale ceo e direttore di Société Générale, è stato nominato “censeur” (membro non votante) dal consiglio di amministrazione di Sanofi. La sua nomina verrà sottoposta ad approvazione nella prossima assemblea generale e, dopo l’incontro con gli shareholder, il cda esaminerà la sua elezione a presidente non esecutivo del consiglio di amministrazione, in sostituzione di Serge Weinberg che ha finito il suo mandato. Frédéric Oudéa ha annunciato che lascerà la sua posizione di ceo e direttore di Société Générale nel maggio 2023. 

Implementare lo sviluppo sostenibile

“Sono molto lieto di entrare a far parte del consiglio di amministrazione di Sanofi in qualità di censeur – ha commentato Frédéric Oudéa – con la prospettiva di diventarne presidente, se gli azionisti lo approveranno, e desidero ringraziare il cda e il suo presidente Serge Weinberg per la loro fiducia. Sono estremamente motivato dalla prospettiva di contribuire alla strategia e allo sviluppo sostenibile di Sanofi nei prossimi anni, leader in un settore sanitario strategico e ad alto impatto in fase di grande trasformazione, e di essere il garante della qualità della governance della società”. 

La carriera di Oudéa

Frédéric Oudéa è nato il 3 luglio 1963. Si è laureato all’École polytechnique e all’École nationale d’administration in Francia. È attualmente amministratore delegato di Société Générale, della quale fa parte dal 1996. In Société Générale, Frédéric Oudéa è stato a capo del ramo Corporate banking nel Regno Unito, oltre che della Supervisione globale e dello Sviluppo del dipartimento azioni, vice cfo del Gruppo nel 2003 e poi cfo nel 2008, prima di diventare presidente e ceo nel 2009. Con la separazione delle funzioni di presidente del cda e amministratore aelegato, imposta alle banche sistemiche in Europa per motivi normativi, è stato nominato ad nel maggio 2015. Prima di entrare in Société Générale, ha lavorato per 8 anni nell’alta amministrazione francese, presso il Dipartimento di audit del ministero delle Finanze, poi presso il ministero del Bilancio. Frédéric Oudéa è anche direttore di Capgemini. 

Il passaggio di consegne

“Sono lieto che Frédéric Oudéa abbia accettato di entrare a far parte del consiglio di amministrazione come censeur – ha commentato il presidente uscente
Serge Weinberg – e, se l’assemblea generale è d’accordo, di diventare un amministratore e succedermi nel cda. La sua esperienza nella gestione e guida della trasformazione digitale di una grande azienda globale in un settore altamente regolamentato, la sua comprensione delle questioni di governance, le sue capacità finanziarie, la sua integrità, il suo rigore e il suo senso di responsabilità mi rendono fiducioso sul successo del suo ruolo futuro. Frédéric Oudéa e Paul Hudson, amministratore delegato di Sanofi, formeranno un duo eccellente per posizionare Sanofi come una moderna azienda sanitaria e rafforzare la leadership francese, europea e globale al servizio dei pazienti”.  

Foto da Linkedin di Frédéric Oudéa

Tag: capgemini / Cda / frederic oudea / persone / sanofi / societe generale /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE