Infezioni delle vie urinarie: accordo da 66 milioni tra Gsk e Spero Therapeutics per lo sviluppo di un antibiotico

Pubblicato il: 23 Settembre 2022|

Gsk e Spero Therapeutics hanno stipulato un accordo di licenza esclusiva per tebipenem pivoxil bromidrato (tebipenem HBr), un antibiotico in fase avanzata (sviluppato da Spero), come carbapenemico orale per il trattamento delle infezioni complicate delle vie urinarie (cUTI), inclusa la pielonefrite, causata da alcuni batteri.

I dettagli dell’accordo

In base ai termini dell’accordo, Gsk riceverà una licenza esclusiva per lo sviluppo e la commercializzazione del farmaco in tutti i paesi tranne il Giappone e alcuni altri paesi asiatici. Inoltre, Gsk effettuerà un pagamento iniziale anticipato a Spero di 66 milioni di dollari per assicurarsi i diritti sul medicinale e al tempo stesso acquisirà 9 milioni di dollari di azioni dell’azienda partner.

Alternativa alla terapia ospedaliera

Luke Miels, Chief commercial officer di Gsk, ha dichiarato: “C’è un’elevata necessità medica insoddisfatta di un nuovo antibiotico orale come alternativa alla terapia ospedaliera per via endovenosa per le infezioni complicate del tratto urinario resistenti ai farmaci. Tebipenem pivoxil bromidrato integra la strategia per le malattie infettive di Gsk ed è coerente con il nostro impegno a trovare opportunità di miglioramento del valore per costruire un solido portafoglio in fase avanzata. Tebipenem pivoxil bromidrato ha un chiaro percorso normativo della Fda statunitense verso una potenziale approvazione, che potrebbe avvantaggiare in modo significativo i pazienti con complicate infezioni del tratto urinario”.

Un supporto per medici e pazienti

“L’accordo di Spero con Gsk fornisce un passo fondamentale verso la piena realizzazione del valore che il farmaco può potenzialmente fornire a medici e pazienti”, ha affermato Ankit Mahadevia, amministratore delegato di Spero. “Grazie alla sua esperienza in materia di antibiotici e alla portata commerciale globale, Gsk è in una posizione ideale per lanciare tebipenem pivoxil bromidrato dopo l’approvazione normativa come trattamento orale per infezioni complicate del tratto urinario, fornendo ai pazienti un’alternativa alla terapia endovenosa ospedaliera. Il potenziale di tebipenem pivoxil bromidrato come opzione orale domiciliare può potenzialmente essere di beneficio significativo riducendo l’utilizzo delle risorse ospedaliere. Inoltre, la partnership con Gsk rafforza il nostro bilancio e la base di azionisti”.

Tag: ankit mahadevia / Fda / Food and Drug Administration / Gsk / luke miels / spero therapeutics /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
RUBRICHE
FORMAZIONE