La prevenzione cardiovascolare “sCorre” in corsia

società italiana di cardiochirurgia
Pubblicato il: 29 Giugno 2017|

Ospedalieri Pubblici, ASL, Fondazioni e IRCCS italiani chiamati a svolgere un ruolo in prima linea a favore della prevenzione cardiovascolare. È l’intento di “La Prevenzione Cardiovascolare sCorre in Italia”, un’iniziativa promossa da   e rivolta alle strutture sanitarie di tutto il Paese, votate per definizione alla cura della salute. L’idea è che presentino dei progetti volti a promuovere una maggiore cultura della prevenzione cardiovascolare, partendo dalle proprie corsie e reparti, ma incentivando al tempo stesso i cittadini a farla propria anche nelle abitudini quotidiane, attraverso il movimento e uno stile di vita sano.

Contrastare la sedentarietà è alla base del benessere cardiovascolare. Di questo sono ben consapevoli i medici che, con il loro lavoro, sono da un lato costantemente a contatto con i cittadini che possono beneficiare dell’attività sportiva per la prevenzione di molte patologie e, dall’altro, possono giocare un ruolo prezioso nell’informare e sensibilizzare la popolazione su questo tema. Da qui la decisione di coinvolgerli in prima persona.

Le strutture sanitarie italiane e i professionisti della salute che vi prestano servizio saranno quindi i protagonisti e il motore dell’iniziativa: a loro spetterà il compito di individuare le opportunità esistenti, identificare le modalità che ritengono più efficaci e adeguate per contribuire all’obiettivo della prevenzione cardiovascolare e candidare dei progetti, scaturiti dall’esperienza diretta degli attuali unmet need e delle possibili soluzioni.

“Il nostro obiettivo – spiega Sabine Greulich, Presidente di Boehringer Ingelheim Italia – è quello di tutelare e preservare la salute dei cittadini, non solo con farmaci innovativi, di comprovata qualità ed efficacia, ma anche attraverso un supporto attivo alla prevenzione e a tutti coloro, strutture sanitarie in prima linea, che possono concorrere a promuoverla”.

Il progetto “La prevenzione  cardiovascolare sCorre in Italia” si articolerà in tre fasi. La prima, avviata oggi, punta alla raccolta di progetti di prevenzione cardiovascolare da parte di Enti Ospedalieri Pubblici, ASL, Fondazioni e IRCCS. Sul sito dedicato, è possibile presentare un progetto e reperire ulteriori informazioni. Le candidature possono essere inviate dal 26 giugno al 26 settembre 2017. Per essere presentati, i progetti dovranno avere alcuni requisiti: essere aderenti al tema, presentare una componente clinica e sociale ed essere corredati da importanti elementi, quali per esempio:

  •        prospetto finanziario
  •        durata del progetto
  •        stima dei benefici (sociali, prevenzione, ecc.)
  •        popolazione coinvolta e impatto atteso
  •        altri: consultare il bando completo su www.laprevenzionescorre.it

Nella seconda fase, i progetti saranno esaminati e validati da Boehringer Ingelheim, che li valuterà in termini di pertinenza rispetto al bando e ai criteri identificati, individuando una selezione meritevole. La rosa identificata sarà quindi sottoposta a una “giuria popolare”: dal 2 ottobre al 30 novembre tutti i progetti pervenuti e valutati idonei, potranno essere consultati su www.laprevenzionescorre.it e votati tramite i canali social. L’abitudine a una vita sana e attiva sarà il criterio per poter accedere al voto: l’utente dovrà scattare, infatti, una foto ove sia visibile il numero di km percorsi camminando, correndo o andando in bici, rilevati attraverso una qualsiasi App o strumento di rilevazione digitale in dotazione. La foto dovrà essere postata con profilo pubblico su facebook, instagram o twitter con l’aggiunta dell’hashtag #laprevenzionescorre (identificativo dell’iniziativa), dell’hashtag identificativo del progetto (così come precisato sul sito www.laprevenzionescorre.it) e dell’hashtag #bici o #piedi.

La terza e ultima fase, entro i primi di dicembre, vedrà quindi la proclamazione tramite voto popolare, unito alla valutazione della Giuria di esperti, dei progetti vincitori che, in occasione di un evento celebrativo, riceveranno in premio un contributo economico per la loro realizzazione (20 mila euro per il primo classificato, 15 mila per il secondo e 10 mila per il terzo) erogato da Boehringer Ingelheim. “Con questa iniziativa vogliamo far sCorrere in tutta Italia nuove energie e risorse a favore della prevenzione cardiovascolare, scendendo in campo accanto a strutture sanitarie, medici, pazienti e cittadini” conclude Sabine Greulich. “Perché muovendoci tutti insieme, nella stessa direzione, possiamo fare la differenza”.

Tag: Boehringer Ingelheim / cardiovascolare / prevenzione /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE