Logistica farmaceutica, Bomi lancia una business unit per il trasporto internazionale di prodotti healthcare

Pubblicato il: 18 Maggio 2021|

Bomi group, azienda di logistica attiva nel settore healthcare, lancia “Bomi health forwarding”, nuova business unit dedicata al trasporto internazionale di prodotti healthcare. L’iniziativa nasce sulla scia dell’acquisizione, conclusasi lo scorso dicembre, di Florence Shipping tramite cui Bomi Group ha mosso i primi passi nel campo del global forwarding dedicato al settore farmaceutico e biomedicale. Grazie a questa nuova unità di business, Bomi consegnerà in tutto il mondo prodotti farmaceutici o diagnostici, attrezzature mediche e di laboratorio, materie prime e semilavorati, merci sensibili alla temperatura, materiali pericolosi, merci deperibili.

I servizi offerti

Tra i principali servizi offerti dalla nuova business unit di Bomi group, secondo quanto riporta una nota diffusa dall’azienda, ci sono: inbound e stoccaggio merci in transito a temperatura controllata; trasporto internazionale via aerea, via mare e via terra; soluzioni di trasporto a temperatura attiva o passiva; assistenza import / export e servizi di sdoganamento; gestione dei trial clinici; spedizione merci pericolose

Soluzioni personalizzate

Bomi Health Forwarding è pronta anche a sviluppare soluzioni ad hoc, cucite sulle necessità dei propri clienti. Il quartier generale è in Italia con 4 filiali a Firenze, Roma, Milano e presso l’aeroporto di Malpensa, e l’attività è garantita in tutto il mondo grazie a un team di agenti validati che operano in oltre 30 paesi, secondo le linee guida del Gruppo. Il sistema di gestione della qualità è certificato ISO 9001:2015, GDP e IATA CEIV; la BU è anche autorizzata AEO-F.

Tag: bomi group / healthcare / logistica farmaceutica /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
plasma

La via italiana al plasma, sognando l’autosufficienza

Il ddl Concorrenza introduce nuove regole per la produzione dei farmaci e ribadisce il principio della donazione gratuita alla base del nostro sistema trasfusionale. Ma la raccolta va potenziata per limitare la dipendenza dal mercato estero. Dal numero 199 del magazine

RUBRICHE
FORMAZIONE