Merck & Co.: nuova ‘facility’ da 120 milioni in Cina

Pubblicato il: 19 Aprile 2013|

Merck & Co. ha annunciato ieri, 18 aprile, l’apertura di un nuovo stabilimento in Cina. La struttura – un investimento di quasi 120 milioni di dollari da parte della multinazionale del farmaco – è situata nell’area tecnologica ed economica di Hangzhou (Heda) e sarà un centro dedicato al packaging  e alla distribuzione dei farmaci nell’area Asia-Pacifico, nodo cruciale della catena di fornitura globale di Merck.

 

“Una nuova funzione che sostiene Merck nella sua mission, portando medicinali innovativi e di alta qualità a quanti più pazienti possibile in Cina”, ha affermato Willie A. Deese, vice presidente esecutivo di Merck e presidente della Merck Manufacturing. “Si estende così la nostra partnership di lunga data con il governo cinese e il nostro inequivocabile impegno nel contribuire ad ampliare l’accesso alle cure sanitarie in tutto il Paese”.

“Un traguardo importante”, secondo Peter Kim, presidente di Merck Research Laboratories, “che implementa la nostra strategia di costruire relazioni di successo in regioni geografiche in rapida crescita e nei mercati emergenti”.

 

Il nuovo impianto va ad accrescere la produzione e la presenza commerciale di Merck in Cina, presenza ormai ventennale, che ha avuto inizio nel 1994 con l’apertura del primo stabilimento, sempre in Hangzhou, e che, nel corso di questi anni, ha assistito alla crescita del sistema sanitario del Paese, diventando parte attiva della riforma del settore.

Negli ultimi due decenni Merck ha introdotto con successo in Cina più di 40 farmaci e vaccini innovativi e ha siglato con il governo cinese un accordo per la prevenzione e la cura dell’HIV. Un impegno importante, ma anche una rilevante presenza sul territorio, con tre stabilimenti di produzione, più di 5mila dipendenti e un investimento di oltre 1,5 miliardi di dollari per i prossimi 5 anni.

 

 

Tag: Cina / distribuzione / Merck & Co. / packaging / stabilimento /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE