Sanofi completa l’acquisizione della biotech americana Kadmon per 1,9 miliardi di dollari

Pubblicato il: 10 Novembre 2021|

Sanofi ha annunciato il completamento dell’acquisizione di Kadmon, società statunitense che sviluppa e commercializza terapie trasformative per aree patologiche. L’acquisizione, si legge in una nota diffusa dal gruppo francese, rafforza la crescita e l’espansione del portafoglio di medicinali generici. A settembre Sanofi ha annunciato l’intenzione di acquisire Kadmon, per un valore economico complessivo di 1,9 miliardi di dollari. Nello specifico, i titolari delle azioni ordinario di Kadmon riceveranno 9,5 dollari in contanti per ogni azione.

I dettagli

Sanofi, riporta ancora la nota, ha completato l’acquisizione di Kadmon attraverso la fusione di una consociata interamente controllata dal colosso francese. A partire dal 9 novembre, come previsto dagli accordi stipulati tra le parti, che le azioni ordinarie di Kadmon cessano di essere negoziate sul Nasdaq global select stock market (Nqgs)

La strategia

L’acquisizione sostiene la strategia di Sanofi di “continuare a far crescere le sue attività principali di general medicines e aggiungerà immediatamente il farmaco rezurock al suo portafoglio”, fanno sapere da Sanofi. “Stiamo trasformando e semplificando la nostra attività di general medicines e abbiamo spostato la nostra attenzione sulle attività principali differenziate nei mercati chiave”, ha dichiarato di recente Olivier Charmeil, Executive vice president general medicines. “Siamo entusiasti che Sanofi abbia riconosciuto il valore del nostro farmaco e il profondo potenziale della nostra pipeline”, ha aggiunto Harlan Waksal, presidente e amministratore delegato, Kadmon.

Tag: biotech / sanofi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE