Sanofi e MSD le industrie più social e digital d’Italia

Sanofi e Msd
Pubblicato il: 26 Ottobre 2018|

Sanofi e MSD sono le industrie farmaceutiche più social e digital d’Italia. Questo il verdetto degli AboutPharma Digital Awards 2018 assegnati ieri sera a Roma, giunti quest’anno alla sesta e ancora più partecipata edizione (178 i progetti unici candidati, la cui qualità crea sempre non pochi imbarazzi nei giudici chiamati a scegliere i vincitori). Le due multinazionali si sono rispettivamente aggiudicate il premio speciale per Best social company e Best digital company, scambiandosi prima e seconda posizione nelle due categorie. Il premio a Sanofi è stato consegnato da Rosa Cialini di Facebook mentre MSD Italia ha ricevuto il riconoscimento direttamente dalle mani di Stefania Ambra, amministratore delegato di Hps-Aboutpharma.

Le reazioni

Entusiasta Daniela Poggio, responsabile della comunicazione del gruppo francese in Italia (al centro nella foto tra Giampaolo Colletti, contents & audience manager di Sanofi e Rosa Cialini di Facebook) : “Il coraggio di raccontare e raccontarsi in modo trasparente sulla rete ci ripaga di tanti sforzi. Ancora di più ci convinciamo del fatto che la comunicazione debba portare le aziende sulle nuove piattaforme”.

L’impegno nella digitalizzazione di tutte le attività è fortemente radicato in MSD Italia, che anche quest’anno, come nei quattro precedenti, si porta a casa più di un AboutPharma Digital Award (con il portale Oncoline vince anche nella categoria Progetti rivolti alla persona/Wellness e prevenzione delle patologie). Dice Nicoletta Luppi, ceo di MSD Italia. “Non un unico dipartimento ma tutte le ‘anime’ dell’azienda sono digital. Dopo 127 anni di storia questo ci aiuta per continuare a creare e inventare vita e salute non per i pazienti, né per i cittadini ma per le persone, quindi per noi tutti”. Nella foto, l’intero team di MSD Italia sul palco degli AboutPharma Digital Awards 2018.

L’elenco completo

Complessivamente sono tredici i premi assegnati nel corso degli AboutPharma Digital Awards 2018, compresi i già citati. I prescelti sono selezionati all’interno di una top 5 (che diventa top 13 nel caso dei premi speciali per Best social e Best digital company) il cui elenco completo è consultabile a questo link. Sul prossimo numero del magazine AboutPharma and Medical Devices, in uscita a novembre, sarà pubblicato un ampio resoconto della serata, con la descrizione dei progetti premiati. Nel frattempo, ecco nell’ordine di premiazione gli altri vincitori, categoria per categoria: Portale Oncoline di MSD Italia (Progetti rivolti alla persona/Wellness e prevenzione delle patologie); ViaOpta Hello di Novartis Farma (Progetti rivolti alla persona/Miglioramento della qualità di vita e aderenza alle terapie); Magic Kids di Abbvie (Progetti rivolti alla persona/Patient empowerment;); Share2Learn di Chiesi Farmaceutici (Progetti rivolti a medici, farmacisti e altri operatori sanitari/aggiornamento e formazione dei medici); Smart Digital Clinic di Roche Diabetes Care Italy (Progetti rivolti a medici, farmacisti e altri operatori sanitari/Supporto alla professione dei medici) Vr4pharma Lab di 3F-Lab (Progetti rivolti a medici, farmacisti e altri operatori sanitari/Aggiornamento e supporto alla professione di farmacisti e altri operatori sanitari); Digital School di Zambon (Progetti di digitalizzazione delle industrie lifescience/Engagement del team aziendale); #Perché sì di Sanofi (Progetti di digitalizzazione delle industrie lifescience/Multichannel e social marketing); Visita facile di Pfizer Italy (Progetti rivolti a Istituzioni e payors/Miglioramento dell’organizzazione e dei processi dell’offerta sanitaria); Pneumo Rischio delle Università di Firenze e Genova (Premio speciale riservato alle istituzioni e associazioni di Pazienti); Inequipe di Socialmedica (Premio riservato alle Start Up Companies).

Tag: aboutpharma digital awards / Daniela Poggio / Facebook / MSD Italia / nicoletta luppi / sanofi /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE