Stevanato Group, ricavi in netta crescita nel primo semestre 2016

Pubblicato il: 8 Settembre 2016|

Ricavi in crescita del 40,6% – da 155,6 a 218,8 milioni di euro – e un Ebidta di 49 milioni di euro, pari al 22,4% del fatturato. Sono i numeri positivi che arrivano dal confronto dei risultati ottenuti da Stevanato Group – gruppo italiano specializzato in prodotti, processi e soluzioni per l’industria farmaceutica – nel primo semestre 2016 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Un trend positivo ascrivibile – spiega l’azienda in una nota – sia alla crescita organica del core business che alle recenti acquisizioni della danese SVM Automatik – specializzata in apparecchiature per assemblaggio e serializzazione – e di Balda, attiva nella produzione di sistemi in plastica stampati ad iniezione e medical device.

Nel dettaglio, l’Ebit è stato pari a 27,9 milioni di euro (12,7% sui ricavi), in crescita rispetto ai 25,3 milioni di euro del primo semestre dell’esercizio precedente. La Posizione finanziaria netta, al 30 giugno 2016 era invece negativa per 195,2 milioni di euro (rispetto ai -73,5 milioni di euro dello scorso anno). L’incremento dell’indebitamento – spiega l’azienda – è ascrivibile ai consistenti investimenti realizzati dal Gruppo per le nuove acquisizioni e la realizzazione del nuovo stabilimento produttivo in Brasile, funzionali al progetto di crescita legato anche alla strategia di sviluppo nel segmento dei sistemi integrati per la somministrazione dei farmaci.

Tag: ricavi / Stevanato Group /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE