Ucb Italia entra a far parte dell’ecosistema di innovazione e tech transfer del Mind

Ucb
Pubblicato il: 6 Luglio 2022|

Ucb Pharma Italia è entrata a far parte di Federation innovation @Mind, un nuovo modello che aggrega entità pubbliche e private che, beneficiando dell’ecosistema Mind (Milano innovation district), sviluppano progetti di innovazione nei campi future of health e city of the future.

Il modello

Federation innovation @Mind, che oggi riunisce 37 aziende partner, è un ecosistema volto a generare iniziative di ricerca e innovazione e favorire il trasferimento tecnologico su una piattaforma aperta alla collaborazione di tutti: imprese, università, startup, investitori e talenti.
Nato a febbraio del 2021 Federation innovation @Mind è promosso da Lendlease, società di real estate, in qualità di responsabile della progettazione e dello sviluppo privato di Mind, con il contributo di Cariplo Factory, come soggetto catalizzatore.

Oltre l’open innovation

Il modello, nel rispetto delle normative antitrust, intende andare oltre l’open innovation classica, con una struttura legale a tutela della proprietà intellettuale, che consente di raccogliere nuove idee e progetti, sviluppandoli in modo rapido e lineare con modalità operative e procedure predefinite, per metterle a disposizione di tutti, ponendosi, così, come “sviluppatore di innovazione”.

Idee cross-tech nel life science

Rispetto alle undici aree tematiche in cui sono raggruppate le aziende di Federation Innovation @MIND, che vanno dal greentech & circular economy, all’urban digital tech, dall’agrifood tech all’energy a construction tech, Ucb Pharma Italia rientra nella life science & healthcare e lavorerà con il proprio team di ricerca e innovazione, per sviluppare idee cross-tech, favorendo una proficua “contaminazione” tra i diversi player che avranno interesse a lavorare all’interno del settore di appartenenza.

Servizi per il benessere del cittadino

Il “cluster” Life Sciences & Healthcare mira alla creazione di un sistema di servizi studiati per il benessere dei cittadini e allo sviluppo di un modello sanitario innovativo e personalizzato grazie alle nuove tecnologie in grado di aiutare le persone a vivere una vita più lunga e più sana.

Le aziende che appartengono a uno stesso settore merceologico sono invitate a cooperare con i propri competitor, nel pieno rispetto delle norme della concorrenza, e con aziende meno strutturate e più “giovani”, così come sono favorite le progettualità proposte da aree tematiche differenti, con l’obiettivo di moltiplicare le occasioni di sviluppo tecnologico e di accelerazione dei processi innovativi.

I partner di Federated Innovation @MIND creano una community di innovatori, anche grazie alla presenza di ricercatori, studenti e clinici dell’Università Statale di Milano, dell’IRCCS Galeazzi e della Fondazione Human Technopole.

La competizione

Ogni progetto è chiamato a rispondere a una serie di sfide strategiche. Dopo una fase di sperimentazione, ne segue una di “competizione”, che vedrà ogni azienda o gruppo di aziende collaborare per sviluppare progetti innovativi.

“Siamo molto soddisfatti di essere entrati a far parte di Federated Innovation @MIND – ha dichiarato Federico Chinni, amministratore delegato di Ucb Pharma Italia – un progetto ambizioso e sfidante che si pone l’obiettivo di sviluppare innovazione trasversale in molti settori industriali sulla base del principio ‘Collaborate to Compete’ tra le diverse aziende che ne prendono parte. UCB Pharma da sempre si pone l’obiettivo di promuovere modelli di innovazione nell’ambito delle scienze per la vita, e siamo convinti che questo sia il contesto ideale per realizzare il modello delle città del futuro che intende trovare soluzioni alle sfide dai grandi cambiamenti in atto nel mondo intero”.

Tag: federico chinni / fondazione human technolpole / lendlease / mind / UCB /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE