Ulcere cutanee: Mediolanum Farmaceutici lancia il biofilm Prisma Skin

Pubblicato il: 20 Settembre 2016|

Una nuova medicazione per le ulcere cutanee. È l’ultima novità lanciata in casa Mediolanum Farmaceutici. Sotto forma di biofilm solido idrosolubile, la nuova tecnologia Prisma Skin appoggiata su ferite e ulcere viene assorbita in pochi istanti all’interno nel letto della lesione, veicolando una miscela contenente glicosaminoglicani mesoglicano, sviluppata dall’azienda. Duplice l’effetto: i glicosaminoglicani, come componenti della matrice extracellulare, favoriscono la risposta delle citochine, responsabili del meccanismo di ricostruzione del tessuto lesionato. Inoltre il biofilm agisce anche formando una barriera protettiva sulla lesione e contribuisce a mantenere un microambiente favorevole al processo di cicatrizzazione.
“Si tratta di una medicazione molto utile nel trattamento delle ulcere croniche, indipendentemente dalla loro eziologia” sottolinea Francesco Petrella, referente aerea per la formazione e l’indirizzo rete aziendale di riparazione tissutale Asl Napoli 3 Sud e presidente dell’Associazione Italiana Ulcere Cutanee (Aiuc). Si stima che in In Italia siano circa due milioni le persone che nel corso della vita vanno incontro alla formazione di ulcere cutanee: dallo 0,5 all’ 1% degli under 65 e il 3% degli over 65.
Disponibile dal mese di luglio in Italia, il biofilm, che deve essere utilizzato dal personale sanitario nel rispetto delle Wound Bed Preparation (ovvero la preparazione del letto della ferita), “è compatibile con tutti i presidi per  medicazioni secondarie presenti sul mercato – prosegue Petrella – ed è utilizzabile per le ulcere che vanno dal primo al terzo stadio, costituendo così un aiuto importante anche per i casi di ulcere croniche di notevole gravità (come le ulcere cutanee venose croniche, ndr), che colpiscono spesso i pazienti allettati o non più autosufficienti; inoltre  – conclude il presidente Aiuc – può essere usato sotto elastocompressione”.

Tag: Mediolanum Farmaceutici /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE