Fimp: Alessandro Ballestrazzi è il nuovo presidente

Pubblicato il: 22 Aprile 2013|

La Federazione Italiana Medici Pediatri (Fimp), riunita a Roma in congresso elettivo, ha votato un nuovo vertice per il principale sindacato che riunisce i pediatri di famiglia: già Segretario Regionale della Fimp Emilia Romagna, Alessandro Ballestrazzi (nella foto) succede a Giuseppe Mele nella carica di presidente.

“Anche nel nuovo assetto delle cure primarie la figura del pediatra di famiglia – ha dichiarato il neo presidente della Fimp – deve continuare a essere centrale nell’organizzazione di un Sistema sanitario nazionale come il nostro, che è ispirato a un principio universalistico e solidaristico. La Fimp è un sindacato che deve tornare a far sentire la sua voce nei tavoli istituzionali preposti al confronto, affrontando le sfide che riguardano il futuro della sanità pubblica e difendendo energicamente le prerogative della categoria e, quindi, dei piccoli assistiti. Serve un cambio di passo per la pediatria di famiglia e l’azione della Federazione Italiana Medici Pediatri non può prescindere da quella dimensione deontologica che deve permeare tutto l’operato della classe medica”.

 

Ecco, oltre al neoeletto presidente,  il nuovo assetto dirigenziale della Fimp:

 

Paolo Biasci e Luigi Nigri -Vice Presidenti

Adolfo Porto – Segretario Nazionale all’Organizzazione

Donella Prosperi – Segretario alla Presidenza

Giuseppe Giancola – Segretario alla Tesoreria

Giovanni Semprini – Segretario alle Attività Previdenziali e Assicurative

Giuseppe Di Mauro – Segretario alle Attività Scientifiche ed Etiche

Giovanni Cerimoniale – Vice Segretario all’Organizzazione

Rino Rosignoli – Vice Segretario alla Tesoreria

Fabio Campo – Presidente del Collegio Nazionale dei Probiviri

Marco Maria Mariani – Presidente del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti

 

Tag: Alessandro Ballestrazzi / fimp / in&out / nomina / Presidente /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Chirurgia robotica

Più applicazioni e mercato, ma i robot chirurgici sono ancora un lusso

Nonostante cresca il numero degli interventi eseguiti Italia, secondo gli esperti c’è un problema di “robot divide”, legato soprattutto al prezzo e alla manutenzione dei macchinari. La ricerca intanto fa passi da gigante. Mentre in mezzo al dominio dei grandi produttori, spunta un’eccellenza italiana

RUBRICHE
FORMAZIONE