Katia Accorsi (Roche Diagnostics) è la nuova presidente di Assodiagnostici

Pubblicato il: 9 Dicembre 2021|

Katia Accorsi, direttrice commerciale in Roche Diagnostics, è la nuova presidente di Assodiagnostici, l’associazione delle imprese che producono e distribuiscono dispositivi medico-diagnostici in vitro in Confindustria dispositivi medici.

Il profilo

Classe ’72 e laureata in biologia con specializzazione in biotecnologie e un master in Digital marketing, Katia Accorsi ha iniziato la sua carriera nel 1998 come ricercatrice a l’Ecole Polytechnique in Francia. Negli ultimi 20 anni in Roche diagnostics Italia, ha ricoperto posizioni di crescente responsabilità in ambiti diversi fra cui marketing e vendite e dal 2017 è direttrice commerciale. Ha già esperienze della realtà associativa Confindustriale essendo Membro del Consiglio Generale di Confindustria dispositivi medici e membro del Gruppo consiliare di Assodiagnostici. Con lei lavoreranno alla realizzazione del piano di lavoro: Silvio Bertasini, general manager Europe southern region di Beckman Coulter, Angelo Fracassi, presidente di Dasit Group, Renato Bonatia, Ad di Ortho Clinical Diagnostics, Jordi Lloren, direttore generale di Werfen, Marcello Mancini, country manager in Becton Dickinson IDS, Renzo Polato, direttore commerciale di Biomerieux, e Marco Rota, general manager Italia presso la A. Menarini Diagnostics.

Domanda sanitaria crescente

“La pandemia, unita a un progressivo invecchiamento della popolazione spesso associato a patologie a esito cronico-degenerativo, sta portando a una domanda sanitaria crescente – dichiara Accorsi -. In questi ultimi mesi è emersa con forza la necessità di ripensare i paradigmi alla base della gestione sanitaria mettendo l’accento su sostenibilità e valore, inteso come il rapporto tra gli esiti di salute e i costi reali sostenuti sull’intero ciclo di cura”.

Il contributo della diagnostica in vitro

“In questo contesto, la diagnostica in vitro può contribuire significativamente sia ad affrontare le sempre più complesse sfide sanitarie attuali, sia a costruire una sanità futura incentrata sulle reali esigenze delle persone, una sanità ripensata partendo dal valore per il paziente  e dalla sostenibilità economica del sistema salute: basti pensare che i risultati dei test diagnostici in vitro sono in grado di influenzare fino al 70% delle decisioni cliniche pur rappresentando solo circa l’1,2% della spesa sanitaria. È dunque evidente come mettere al centro la diagnostica in vitro potrebbe tradursi in un incremento in termini di benefici per il paziente.

Le opportunità del Pnrr

“Una responsabilità ma anche un’opportunità per il nostro comparto: il Pnrr è la grande occasione del nostro sistema sanitario per superare le fragilità e progettare la sanità del futuro. – continua la neo presidente -. Il primo importante appuntamento è l’introduzione del nuovo regolamento Ivd previsto per maggio 2022, la cui applicazione trova il sistema di certificazione assolutamente impreparato. Bisogna dunque avviare fin da subito un percorso basato sul dialogo e cooperazione tra associazione e istituzioni per affrontare insieme le sfide del futuro. Mai come oggi è importante che tutte le aziende dei dispositivi medico-diagnostici in vitro (Ivd), le società scientifiche e le istituzioni nazionali e regionali lavorino insieme per contribuire al cambiamento promuovendo l’innovazione con le proprie”.

Tag: Assodiagnostici / nomine /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE