Ospedali privati, Pelissero nominato presidente dell’assemblea generale dell’Uhep

Pubblicato il: 12 Febbraio 2019|

Gabriele Pelissero è il nuovo presidente dell’assemblea generale dell’Unione europea dell’ospedalità privata (Uehp). Ordinario di Igiene all’Università di Pavia, presidente del Cluster lombardo di Scienze della vita e past president dell’Associazione italiana ospedalità privata (Aiop), Pellissero è stato nominato anche membro del “board of directors” dell’Uehp, cioè l’organo esecutivo composto dai rappresentanti di Francia, Germania, Spagna, Polonia e Grecia.

Le priorità

Commentando il suo nuovo incarico, Pellissero fa riferimento in particolare al futuro dell’Unione europea: “Le prossime elezioni europee avranno grandissima importanza per il futuro dell’Unione in tutte le sue attività e ovviamente anche per la sanità, settore strategico nel quale l’azione comunitaria ha sempre avuto grandi limiti e i sistemi di welfare sanitario sono tuttora profondamente divisi da paese a paese per offerta, qualità delle prestazioni e finanziamento. Cercheremo – assicura Pellissero –  di promuovere una maggiore attenzione e soprattutto chiederemo all’Ue una linea guida per tutti gli Stati, per assicurare un adeguato stanziamento per la salute dei cittadini e arginare il disinvestimento sulla sanità che in Italia e in altri paesi negli ultimi anni è stato molto significativo, creando liste di attese e conseguente difficoltà di accesso alle cure più avanzate”. L’Uehp rappresenta le associazioni nazionali di settore attive in 18 Stati membri, per un totale di più di 5.000 strutture private.

 

Tag: In & Out / ospedali privati /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE