Premio Le Fonti: Massimo Scaccabarozzi è “Ceo dell’anno”

Pubblicato il: 7 Giugno 2019|

Massimo Scaccabarozzi riceve il Premio “Le Fonti” come Ceo dell’anno. Il presidente e amministratore delegato di Janssen Italia, farmaceutica del gruppo Johnson&Johnson, nonché presidente di Farmindustria, è stato insignito ieri a Milano del riconoscimento in occasione di “Le Fonti Awards 2019″, manifestazione dedicata al mondo dell’impresa, patrocinata dalla Commissione Europea. Il premio è stato assegnato da una giuria composta da rappresentanti del mondo accademico, finanziario, imprenditoriale e legale.

La crescita di Janssen

Scaccabarozzi guida Janssen Italia da 18 anni. Negli ultimi dieci l’azienda è cresciuta costantemente, arrivando oggi a posizionarsi fra le prime 10 aziende del suo settore. Tra il 2010 e il 2018 – spiega una nota dell’azienda –  ha riportato i una crescita del +78%, tanto da arrivare vicino al raddoppio del proprio fatturato.  “Non posso che sentirmi onorato – commenta Scaccabarozzi – di questo riconoscimento per un lavoro che ho svolto quotidianamente con passione da quando sono stato nominato ad di Janssen. Si tratta di un premio importante che però mi sento di condividere con tutti i miei collaboratori, senza i quali Janssen non avrebbe raggiunto il successo che ha oggi: un’azienda che è cresciuta ed è diventata un’eccellenza a livello internazionale grazie al lavoro di squadra, a tutti i livelli. Inoltre, è un riconoscimento che voglio condividere anche con i miei colleghi di Farmindustria”.

Gli altri riconoscimenti

Anche in passato Janssen è stata protagonista del Premio Le Fonti.  Nel 2018 l’azienda si è aggiudicata il premio quale “Eccellenza nell’innovazione farmaceutica”, nel 2017 è stata “Eccellenza dell’anno per l’innovazione nel settore farmaceutico”, mentre l’anno precedente a Massimo Scaccabarozzi è stato assegnato il riconoscimento come “CEO 2016 per la pharmaceutical innovation”.

Tag: Janssen / massimo scaccabarozzi / Premio Le Fonti /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
Dna

Così il sequenziamento del Dna migliorerà la medicina di precisione

La tecnologia ha permesso di decifrare anche gli ultimi “libri” del genoma umano. Un punto di partenza per perfezionare ulteriormente personalizzazione di diagnosi e cure come spiega Giuseppe Novelli, professore di Genetica Medica dell’Università di Roma “Tor Vergata”

RUBRICHE
FORMAZIONE