L’Oms include Nuvaxovid tra i vaccini anti-covid approvati per uso emergenziale

Novavax
Pubblicato il: 2 Dicembre 2022|

L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato un aggiornamento dei vaccini anti-Covid approvati all’uso di emergenza (Emergency use list, Eul), includendo il vaccino Nuvaxovid (Nvx-CoV2373, sviluppato da Novavax), come ciclo primario di due dosi negli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni e come dose booster negli adulti a partire dai 18 anni.

Nuova opzione vaccinale

“I Paesi membri dell’Oms dispongono ora di un’opzione vaccinale sviluppata con un approccio innovativo alla tecnologia tradizionale, che può essere conservata in frigorifero, rendendola facile da trasportare – ha dichiarato Stanley C. Erck, presidente e amministratore delegato di Novavax – L’aggiornamento dell’elenco dei vaccini approvati all’uso in emergenza da parte di Oms ci permette di rendere disponibile il nostro vaccino a subunità proteica, come ciclo primario per gli adolescenti e come dose di richiamo per gli adulti, in tutto il mondo”.

Ciclo primario negli adolescenti

L’inserimento di Nuvaxovid come ciclo primario negli adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni nell’elenco aggiornato di Oms si basa sui dati dell’espansione pediatrica Prevent-19, uno studio fase 3, attualmente in corso, condotto per valutare la sicurezza e l’efficacia di Nuvaxovid, su 2.232 partecipanti adolescenti di età compresa tra i 12 e i 17 anni in 75 località negli Stati Uniti. Nello studio pediatrico, il vaccino ha soddisfatto il suo endpoint primario di efficacia e ha dimostrato un’efficacia complessiva dell’80% in un momento in cui la variante Delta era il ceppo circolante, predominante negli Stati Uniti.

Lo studio

I dati preliminari sulla sicurezza dello studio pediatrico hanno dimostrato che il vaccino è generalmente ben tollerato. Gli eventi avversi gravi sono stati pochi ed equilibrati tra i gruppi vaccino e placebo, e non sono stati considerati correlati al vaccino. La reattogenicità locale e sistemica è stata generalmente inferiore o simile a quella degli adulti, dopo la prima e la seconda dose. Le reazioni avverse più comuni osservate sono state dolorabilità/dolore al sito di iniezione, cefalea, mialgia, affaticamento e malessere. Non vi è stato alcun aumento della reattogenicità negli adolescenti più giovani (da 12 a <15 anni) rispetto a quelli più grandi (da 15 a <18 anni). Nessun nuovo segnale di sicurezza è stato osservato in tutta la parte dello studio controllata con placebo.

Dose booster negli adulti

L’inserimento di Nuvaxovid come dose booster negli adulti a partire dai 18 anni di età nell’elenco aggiornato dell’Oms è supportato dai dati dello studio di fase 2 condotto da Novavax in Australia, da uno studio di fase 2 separato condotto in Sudafrica e dallo studio Cov-Boost sponsorizzato dal Regno Unito. Nell’ambito degli studi di fase 2, una singola dose di richiamo di Nuvaxovid è stata somministrata a partecipanti adulti sani circa sei mesi dopo la serie primaria di vaccinazioni a due dosi di Nuvaxovid. La terza dose ha prodotto un aumento delle risposte immunitarie paragonabili o superiori ai livelli associati alla protezione negli studi clinici di fase 3. Nello studio Cov-Boost, Nuvaxovid ha indotto una robusta risposta anticorpale quando è stato utilizzato come terza dose di richiamo eterologa.

Le reazioni avverse

Negli studi sponsorizzati da Novavax, dopo il richiamo, le reazioni locali e sistemiche sono state generalmente di breve durata (una media di circa due giorni). L’incidenza di eventi di grado 3 o superiore è rimasta relativamente bassa. La segnalazione di sicurezza degli eventi di reattogenicità ha mostrato un’incidenza crescente in tutte e tre le dosi di Nuvaxovid, riflettendo l’aumento dell’immunogenicità osservata con una terza dose. Eventi avversi (Ae) assistiti dal punto di vista medico, condizioni mediche potenzialmente immuno-mediate ed eventi avversi gravi si sono verificati di rado dopo la dose di richiamo e sono stati bilanciati tra i gruppi vaccino e placebo.

Altre approvazioni

Nella popolazione di età compresa tra i 12 e i 17 anni, il vaccino Novavax è stato autorizzato in più di 10 mercati, tra cui gli Stati Uniti, l’Unione Europea (Ue) e il Regno Unito. Il vaccino è stato inoltre autorizzato come dose booster negli Stati Uniti, nell’Ue, in Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Svizzera, e in diversi Paesi sono state emanate raccomandazioni politiche che consentono l’uso del vaccino come dose di richiamo eterologa o omologa. Il vaccino di Novavax è attualmente in fase di valutazione in altri mercati per entrambe le indicazioni ed è in fase di sperimentazione per verificare ulteriormente la sua efficacia e sicurezza come dose booster.

Tag: Novavax / nuvaxovid / Organizzazione Mondiale della Sanità / Stanley C. Erck /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE
organi su chip medicina personalizzata

Organi su chip: la medicina personalizzata si può fare anche così

Una tecnologia che potrebbe far risparmiare fino a cinque anni di tempo e fino al 20% del costo totale di sviluppo di un farmaco (in miliardi di euro) più solide conoscenze su cui basare le delicate fasi iniziali della sperimentazione e al contempo essere strumento per una medicina sempre più personalizzata

RUBRICHE
FORMAZIONE