Oltre 4 mila i bambini vittime di malformazioni a causa del Valproato

Pubblicato il: 20 Aprile 2017|

L’ente regolatore francese si è espresso sul valprato utilizzato in gravidanza: si stima che siano stati tra i 2150 e 4100 i bambini vittime di malformazioni a causa dell’assunzione del farmaco tra il 1967 e il 2016. L’Ansm, autorità del farmaco francese, ha anche dichiarato che nella seconda metà dal 2017 verrà reso noto uno studio sugli effetti neurologici del medicinale.

Il valproato, sviluppato dalla società francese Sanofi, è conosciuto con il nome di Depakine, nel trattamento dell’epilessia e disordini bipolari, e Depakote e Depamide per i disordini bipolari, secondo quanto ha dichiarato l’Ansm lo scorso giovedì, si pensa sia anche correlato a uno lento sviluppo neurologico. La stessa azienda produttrice non ha voluto fornire dichiarazioni, come riporta la Reuters. La storia del valproato inizia in Francia nel 1967 quando venne approvato come antiepilettico e divenne rapidamente uno dei farmaci più prescritti al mondo per questa indicazione. I primi rischi sui feti divennero noti già negli anni ’80 come hanno affermato alcuni genitori coinvolti nella vicenda, ma sia lo Stato francese sia Sanofi sono stati troppo lenti nell’avvisare delel possibili reazioni avverse del medicinale.

Tag: bambini / epilessia / feto / sanofi / valproato /

CONDIVIDI

AP-DATE
SCELTE DALLA REDAZIONE

Pazienti e scelte sanitarie: ancora non c’è la bussola

Prosegue la contesa su rappresentatività, diritti, competenze: lo scorso 19 ottobre il Tar Toscana ha bocciato un ricorso presentato da circa quindici associazioni contro la delibera 702 che include i pazienti esperti nei processi di acquisto dei dispositivi medici. E il recente atto di indirizzo ministeriale sembra appena un primo passo verso il coinvolgimento dei cittadini

Remedi4all: l’Europa scommette sul valore del repurposing

Il progetto Ue sul riposizionamento di farmaci già esistenti per altre indicazioni terapeutiche prevede il coinvolgimento di 24 istituti europei, coordinati da Eatris e un finanziamento di 23 milioni di euro attraverso il programma Horizon Europe

RUBRICHE
FORMAZIONE